Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La potestà statutaria: il caso Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Esauritasi la possibilità tecnica di una riforma costituzionale, l’inizio del 1995 fu caratterizzato da una comune volontà di evitare che le elezioni delle 15 Regioni a Statuto ordinario avvenissero con il sistema proporzionale integrale vigente all’epoca. Tutto ciò accadeva, soprattutto, alla luce della situazione generale, nella quale gli altri organi di governo erano eletti con sistemi prevalentemente o parzialmente maggioritari. In questo clima prese corpo la riforma della legge elettorale regionale, condotta in porto dalla l. n. 43/1995 che novellava la preesistente legge del 1968. Il primo aspetto particolarmente importante era il mantenimento del sistema proporzionale per la distribuzione di quattro quinti dei seggi del Consiglio Regionale. Questi erano ripartiti a livello provinciale fra le liste concorrenti che avessero superato la soglia del tre per cento dei voti validamente espressi; a meno che le stesse non fossero collegate con una lista regionale che avesse superato la percentuale del cinque per cento. La parte dei seggi restante, invece, sarebbe stata distribuita fra le liste concorrenti a livello regionale, collegate a quelle provinciali, naturalmente con il sistema maggioritario. L’articolo 2 della legge in questione prevedeva che le liste regionali sarebbero state guidate da un “capolista” che avrebbe dovuto svolgere, di fatto, il ruolo di candidato alla Presidenza della Giunta regionale 22 . Veniva, inoltre, individuata una soglia di maggioranza sicura, pari al cinquantacinque o al sessanta per cento dei seggi del 22 Non si trattava di un’elezione diretta (che non poteva essere introdotta da una legge ordinaria, ma sola da una di rango costituzionale), ma di una mera indicazione giuridicamente non vincolante.

Anteprima della Tesi di Alessandro Peca

Anteprima della tesi: La potestà statutaria: il caso Calabria, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Peca Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2105 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.