Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La potestà statutaria: il caso Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Tralasciando, infatti, la disposizione transitoria contenuta nell’articolo 5, la legge 1/1999 prevede, da un lato, la possibilità per gli Statuti di scegliere liberamente la propria forma di governo. D'altro canto però, tende a riformare dal ”centro” tale questione, proponendo l’elezione diretta del Presidente della Giunta, che pur potendo essere disattesa dal Consiglio, viene con diversi accorgimenti imposta dal legislatore costituzionale 30 . Dato quindi il nuovo assetto dal quale risultano tre possibili forme di governo (che troviamo nella normativa transitoria, nell’articolo 123 della Cost. ed in quello liberamente adottabile dalla Regione) possiamo facilmente intuire che a questi tre livelli corrispondono diversi spazi per gli Statuti regionali. Quest'ultimi pur totalmente assenti nella disciplina contenuta nell’articolo 5, diventano consistenti con riferimento al modello standard rispetto al quale gli Statuti incontrano vincoli piuttosto rigidi. La massima ampiezza però la troviamo nelle “forme di governo derogatorie”, dove le Regioni hanno possibilità di scelta abbastanza ampie, circoscritte solo da alcuni vincoli costituzionali. Come già detto, con l’espressione forma di governo si fa riferimento ai “rapporti intercorrenti tra gli organi principali di uno Stato-apparato (o di un altro ente dotato di poteri di imperio): rapporti che possono assumere diverse figure, a seconda della diversa distribuzione di potere tra i vari organi”. 30 M. OLIVETTI, Sulla forma di governo delle Regioni dopo la legge costituzionale n. 1 del 1999,in Dir. pubbl., 2000, 943 ss.

Anteprima della Tesi di Alessandro Peca

Anteprima della tesi: La potestà statutaria: il caso Calabria, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Peca Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2105 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.