Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La potestà statutaria: il caso Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Alcuni propendevano per la sostituzione del modello assembleare con quello dell’elezione diretta del Presidente della Giunta 9 ; altri, invece, spingevano per la completa abrogazione degli articoli 121 e 122, sostenendo che la forma di governo sarebbe stata, in questo modo, interamente regolata dall’autonomia statutaria, con il solo limite dell’armonia con la Costituzione 10 . Una successiva ipotesi di riforma presa in considerazione fu quella basata su un più complesso rapporto tra Costituzione e Statuti. Fu lasciato, infatti, allo Stato la possibilità di definire una serie di soluzioni alternative, fra i quali le Regioni avrebbero dovuto scegliere. Nonostante il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva si astenesse dal presentare al Parlamento una proposta unitaria, da essa emergeva la consapevolezza che una correzione della forma di governo regionale avrebbe dovuto avere ad oggetto non solo le scelte statutarie, ma la stessa disciplina costituzionale. Il primo rilevante tentativo di riformare le norme costituzionali relative al sistema regionale di governo fu compiuto nel biennio finale della X legislatura. La riforma proposta nel c.d. “progetto Labriola” 11 conteneva nell’articolo 15 il testo che avrebbe dovuto aggiungersi all’articolo 122 della Costituzione. 9 Sì v. l’intervento di Serio Galeotti nella seduta del 24 ottobre 1989, che propose l’adozione del modello del governo di legislatura (CAMERA DEI DEPUTATI, Forme di governo regionale, pag. 85). 10 Questa posizione fu sostenuta con nettezza da Massimo Severo Giannini (che per proponendo l’ampliamento dell’autonomia statutaria suggeriva per il sistema elettorale il ricorso al sistema maggioritario per collegi uninominali: v. CAMERA DEI DEPUTATI, Forma di governo regionale, pag. 7- 8) e in materia più sfumata da Valerio Onida (ivi, pag. 40). Si espressero criticamente su tale posizione Livio Paladin e Giuliano Amato (ivi, pag. 59-60 e pag. 67). 11 Si tratta del disegno di legge costituzionale Camera n. 4487 (X legislatura) che dopo aver ottenuto il voto favorevole da parte del Senato, su un testo che non si occupava del sistema regionale, fu approvato dalla Commissione affari costituzionali della Camera, ma non giunse in porto per la fine della legislatura.

Anteprima della Tesi di Alessandro Peca

Anteprima della tesi: La potestà statutaria: il caso Calabria, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Peca Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2105 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.