Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La potestà statutaria: il caso Calabria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Tale materia doveva essere determinata dallo Statuto, nell'ambito di una complessiva ridefinizione della potestà statutaria ordinaria, con cui venivano individuate analiticamente le aree di competenza dello stesso. Il suddetto testo non poneva nessuna indicazione circa i tipi di forma di governo adottabili dalla Regione e nemmeno a proposito dei principi in materia elettorale. Questo tema dell’assoluta libertà (soprattutto per la forma di governo), fu fortemente contrastato dai parlamentari di Forza Italia, presenti in Commissione. Questi volevano, infatti, introdurre in Costituzione l’elezione diretta del Presidente della Giunta regionale derogabile dallo Statuto. La soluzione di compromesso fu raggiunta attraverso un gioco di rapporti tra il testo dell’articolo 60 ( che conteneva la libertà di cui sopra) e una disposizione transitoria volta a mantenere in capo al legislatore nazionale la potestà di determinare il sistema elettorale regionale sino alle elezioni del 2000. Nel maggio del 1998 i lavori della Commissione furono interrotti, ma ripresero alcuni mesi più tardi quando vi fu la formazione di un nuovo governo. Nel marzo del 1999 il Presidente del Consiglio D’Alema e il Ministro per le Riforme Istituzionali Amato presentarono un disegno di legge alla Camera intitolato “Ordinamento federale della Repubblica” 19 , che conteneva disposizioni riguardanti l’autonomia statutarie e la forma di governo regionale, nonostante fosse già iniziata la discussione che poi avrebbe portato all’approvazione della legge cost. 1/1999. 19 Si tratta dell’Atto Camera n. 5830 della XIII legislatura. Il testo si può leggere su Quaderni costituzionali, 1999, 227 ss. (e ivi, un breve commento di E. BALBONI, Una prima lettura, 117 ss.).

Anteprima della Tesi di Alessandro Peca

Anteprima della tesi: La potestà statutaria: il caso Calabria, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Peca Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2105 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.