; Skip to content

Identità, marginalizzazione e conflitto nei campi profughi palestinesi in Libano. Il campo di Nahr el-Bared.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
strettamente legata alle sorti del processo bilaterale di pace che deteriorò a seguito della nomina di Netanyahu, leader del partito conservatore Likud, a Primo Ministro nel 1996. Fu l’elezione del leader laburista Ehud Barak nel 1999 a rilanciare i negoziati per un accordo di pace definitivo che contemplasse, oltre ai confini dei due Stati, il futuro delle colonie ebraiche, il ritorno dei profughi palestinesi e la questione di Gerusalemme. L’art. 7 del Framework Agreement on Permanent Status, scritto nel 2000 nel corso degli incontri di Harpsund, preliminari a Camp David, affrontava la questione dei rifugiati per la prima volta. Le parti si dichiaravano determinate a voler porre fine alle sofferenze dei rifugiati palestinesi riconoscendo la necessità di una soluzione giusta, umana, politica e realistica ai loro diritti. 33 Durante gli incontri emerse tuttavia l’inconciliabilità delle due posizioni. Se Arafat chiedeva il riconoscimento del diritto al ritorno, lo sviluppo di meccanismi volti ad attuarlo e l’avvio di procedure per il risarcimento, Israele palesava la propria indisponibilità ad accettare un diritto al ritorno che implicasse l’immigrazione nello Stato israeliano: “Palestinian refugees would not be garanted the right of return to places under Israeli sovreignity, under any circumstances, nor would Isreael accept any ethical or legal responsability for the fact that a refugee problem exists.” 34 A causa di dispute sullo status della Città Santa e al mancato accordo sull’intricata questione dei rifugiati, il vertice di Camp David si tradusse in un fallimento. Sullo sfondo di uno scenario irrigidito dallo scoppio della Seconda Intifada, nel gennaio del 2001 una seconda trattativa fu tentata a Taba. In questa occasione, Beilin propose che Israele avrebbe assorbito un numero limitato di rifugiati seguendo il criterio di ricongiungimento familiare. In particolare veniva espressa la volontà e la necessità di dare la priorità ai rifugiati in Libano a causa delle dure condizioni in cui erano costretti a vivere, alla problematicità della loro presenza nel Paese dei Cedri e al “moral commitment to the swift resolution of 33 Chiller-Glaus M., Tackling the Intractable. Palestinian Refugees and The Search for Midle East Peace, cit., pp. 160-162. 34 L’unico impegno che Israele era pronto a prendersi consisteva nel permettere a qualche migliaia di Palestinesi di ritornare attraverso family reunification e humanitarian cases in un arco di tempo di 10 anni. (Ibidem, pp. 168-169). 20
Anteprima della tesi: Identità, marginalizzazione e conflitto nei campi profughi palestinesi in Libano. Il campo di Nahr el-Bared., Pagina 12

Preview dalla tesi:

Identità, marginalizzazione e conflitto nei campi profughi palestinesi in Libano. Il campo di Nahr el-Bared.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Piccioni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Anna Baldinetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

palestina
identità
campi profughi
libano
conflitto israelo-palestinese
marginalizzazione
campi profughi palestinesi
guerra civile libanese
nahr el-bared
fatah al-islam

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi