; Skip to content

Music: il decennio''astratto-informale'' 1951-1961

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
d’architettura contemporanea oltreché docente e direttore della Fondazione Querini Stampalia dal 1958, ha seguito con la sua parola il cammino artistico dei maggiori artisti veneziani del tempo, dal noto Arturo Martini ai quasi coetanei Deluigi, Santomaso e Vedova fino ai giovanissimi delle ultime generazioni 4 . Sempre nell’estate del 1945, non mancano le dispute tra i fautori del rinnovamento, aderenti al Fronte della Cultura, e gli artisti della vecchia guardia in merito all’apertura e al nuovo assetto da conferire alla Biennale. Gli artisti favorevoli ad uno svecchiamento dell’istituzione propongono Lionello Venturi 5 , critico di fama mondiale, per la carica di Segretario Generale dell’Ente, ma il gruppo più conservatore non lo ritiene idoneo a ricoprire questo ruolo, accusandolo di non conoscere adeguatamente l’ambiente artistico veneziano. Il 1946 si apre con due manifestazioni di grande interesse: il Premio Burano, vinto dal lagunare Della Zorza, che susciterà la protesta del giovane Vedova 6 , e il Premio della Colomba 7 conferito a Carlo Carrà. Nel medesimo anno, non possiamo dimenticare la riapertura della Galleria d’Arte Moderna di Ca’ 4 Al suo nome sono intitolati una sala e una collezione di opere d’arte della Fondazione Querini Stampalia e il Dipartimento di storia e critica delle arti dell’Università di Venezia. Le notizie su Giuseppe Mazzariol sono ricavate da MANLIO BRUSANTIN e ALTRI (a cura di), Per Giuseppe Mazzariol, in Quaderni di Venezia arti, vol.1, Roma, Viella,1992; CHIARA BERTOLA (a cura di), Giuseppe Mazzariol, 50 artisti a Venezia, catalogo della mostra, (Venezia, Palazzo Querini Stampalia, 4 settembre-18 ottobre 1992), Milano, Electa, 1992; Fondazione Querini Stampalia. Fondo Giuseppe Mazzariol, http://www.querinistampalia.it/museo/fondi/mazzariol.html. 5 Lionello Venturi terrà a Venezia una conferenza sulle “Origini dell’arte contemporanea” all’Ateneo Veneto, destando l’attenzione di tutti coloro che aspiravano ad un’apertura europea dell’arte italiana. Per la disputa sulla nomina del segretario generale si veda GIUSEPPE MARCHIORI, L’arte a Venezia dopo il 1945, in GIUSEPPE MARCHIORI (a cura di), Il Fronte Nuovo delle Arti, Vercelli, Tacchini, 1978, p. 18. 6 L’attegiamento conservatrice della giuria che premia un pittore di tradizione, ossia un vedutista lagunare come Della Zorza, scatenerà l’indignazione di Emilio Vedova che getterà il suo dipinto in laguna, dove sarà raccolto da Romano Barbaro. 7 Il premio era finanziato da Arturo Deana, proprietario dell’omonimo ristorante oltrechè mecenate e collezionista, ma ideato e organizzato dal pittore Giuseppe Cesetti. 8
Anteprima della tesi: Music: il decennio''astratto-informale'' 1951-1961, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Music: il decennio''astratto-informale'' 1951-1961

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dolores Del Giudice
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Guido Bartorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 248

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alberto burri
arte astratta
arte informale
arte nel dopoguerra
capogrossi
cavallini
dachau
francesco arcangeli
marchiori
mazzariol
music
non siamo gli ultimi
paesaggi senesi
paesaggio carsico
roberto tassi
scuola di parigi
spazialismo
terre dalmate
venezia
zoran music

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi