; Skip to content

Policies and Interest Rates During the Crisis: A Dynamic Approach

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
©2012 – Daniele Stanizzi Page 1 Literature Review Financial Crisis: Overview The first question we want to answer is how we came to the point where several banks collapsed and the major economies are now in trouble. Notably, the responsibilities fall on different subjects; the banks are likely to be the first in line. Time has listed 25 people who are to blame for the crisis (2009) whose professional belonging leads essentially to banks, governments, rating agencies or important companies. The most severe financial crisis of the last decade began in the United States in August 2007 in a moderately small market segment: subprime mortgage loans. Today we all point the finger at some American financial companies (i.e. Fannie Mae, Freddie Mac) whose unwary behaviour triggered a series of events that led the major economies to the dire situation in which they find themselves today. Let us then illustrate how all of this happened. Before a bank or a financial services company lends money to an individual or any legal person, they want to make sure that the loan is going to be repaid according to an amortisation plan, which is set up beforehand. This is because of the presence of what behavioural finance defines as adverse selection. This term refers to one of the information asymmetries that are likely to occur when dealing with risk management. Precisely, it implies that borrowers that are subject to a higher credit risk are more likely to require a loan (Redhead, 2008), which as we will see later, are defined as subprime. In order to face this problem, lenders base their final decision on several aspects which include: borrower’s credit score, LTV ratio, interest rate, loan amount, and level of indebtedness (Demyanyk, Van Hemert; 2009). Only after an accurate analysis, can they finally make the decision to grant or reject a loan request. The first critical mistake we have to point out has been made by some banks, when they decided to concede mortgage loans to the above mentioned segment of subprime borrowers, that is, those individuals with a higher–than–average risk profile whose ‘financial health’ was not in a sufficiently good state to ensure the payback. The first step that encouraged American financial institutions to this obviously dangerous behaviour is a change in regulation in 1980 when the Deregulation and Monetary Control Act (DIDMCA) was adopted. This act essentially legitimated to “charge high rates and fees to borrowers”. Secondly, in 1986, another modification introduced the Tax Reform Act which made high–cost mortgage debt quite cheap (even cheaper than consumer debt), permitting uncontrolled access to credit for subprime borrowers (Chomsisengphet, Pennington, 2006). Indeed, the analysis of this specific market reveals some serious facts as shown
Anteprima della tesi: Policies and Interest Rates During the Crisis: A Dynamic Approach, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Policies and Interest Rates During the Crisis: A Dynamic Approach

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Stanizzi
  Tipo: Tesi di Master
Master in MSc in Finance & Investment
Anno: 2012
Docente/Relatore: Ali-Aribi Zakaria
Istituito da: Lancashire Business School (UCLan)
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tassi di interesse
crisi
federal reserve
banca centrale
politica monetaria
regressione
politica fiscale
spread
monetary policy
bank of england
overnight
canali di trasmissione
interest rates
regression
fiscal policy
crisis
blanchard
2008
monetary policies
dynamic is-lm
transmission channel
is-lm dinamico
central bank
shadow banking

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi