; Skip to content

Regionalismo e federalismo in Italia e in Germania. Due modelli a confronto e profili di cooperazione transfrontaliera.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 comune, fondata su un patto federale68 porterebbe a definire la [Con]federazione come un’“istituzione di istituzioni”, ovvero come un ente o un corpo sociale che accorpa un certo numero di enti e corpi sociali preesistenti ad esso69. La ricerca dogmatica sulla quale si fonda tale modello rimanda a pensatori e scuole di pensiero di grande importanza. Basti pensare, partendo dalle origini, ad Altusio70 e Principio di autonomia e forma di stato, Torino, 1998, pp. 8 ss., L. M. BASSANI, W. STEWART, A. VITALE, I concetti del federalismo, Milano, 1995, pp. 123 ss.; C. MORTATI, Istituzioni di diritto pubblico, II, Padova, 1969, pp. 1368 ss.; T. PERASSI, Confederazione di Stati e Stato federale, Manoppello, 1910; G. ARANGIO RUIZ, Rapporti contrattuali tra Stati e organizzazione internazionale, in Archivio giuridico Filippo Serafini, 1950, pp. 7 ss.; G. LUCATELLO, Federazione e confederazione di Stati, in Novissimo Digesto Italiano, vol. VII, Torino, 1961, pp. 207 ss.. ma talora anche di più organi: in tal caso, Secondo P. BISCARETTI DI RUFFIA, (Confederazione di Stati, in Enciclopedia del diritto, vol. VIII, Milano, 1961, p. 854; ma cfr. anche ID., Sull'esistenza di «Unioni non internazionali di Stati» diverse dagli «Stati di Stati», in Scritti in onore di Santi Romano, I, Padova, 1939, pp. 410 ss.), la presenza, quantomeno, di un organo comune, conferisce alla [Con]federazione di Stati carattere istituzionale. Ciò accade, talvolta, anche in presenza di più organi: si pensi, ad esempio, all'assemblea federale, organo collegiale direttamente rappresentativo degli Stati, a cui si aggiungono uno o più collegi ristretti, incaricati di garantire la continuità dell'azione confederale negli intervalli delle riunioni del primo; cfr. anche L. M. BASSANI, Confederazione e federazione. Una falsa opposizione?, in U. COLLU [a cura di], Il Federalismo tra filosofia e politica, Nuoro-Roma, 1998, pp. 55 ss., nonché, da ultimo, G. DE VERGOTTINI, Diritto costituzionale comparato, Padova, 1999, pp. 369 ss., special. 371. 68 O, meglio, confederale. Cfr. S. ROMANO, L’ordinamento giuridico [1918], Firenze, 1962, pp. 35 ss., 69; A. DANESE, Il federalismo…cit., p. 43, L. M. BASSANI, \V. STEWART, A. VITALE, I concetti cit., p. 18; D. J. ELAZAR, Idee…cit., pp. 114, 159. 69 Cfr. C. MORTATI, Istituzioni, Vol. II, cit., p. 1369; B. CONFORTI, La personalità internazionale delle Unioni di Stati, in Diritto internazionale, 1964, pp. 324 SS.; P. BISCARETTI DI RUFFIA, Confederazione…cit., p. 855, e G. DE VERGOTTIN1, Diritto…cit., pp. 369-370. Da tali contributi emerge come non sia, invece, ritenuta necessaria l'attribuzione all'ente collettivo nato dalla Unione della soggettività di diritto internazionale, circostanza questa che comporterebbe la correlata qualifica di “rappresentante” degli Stati confederati. In mancanza di personalità internazionale gli organi dell’unione residuano al rango di «organi comuni degli Stati componenti», come scrive il MORTATI, op loc. ult. cit. 70 Cfr. P. RILEY, Three Seventeenth-Century German Theorists of Federalism: Althusius, Hugo and Leibniz, in Publius, VI, 3, 1976, pp. 7 ss. È opinione diffusa che la prima coerente formulazione della teoria con riferimento al governo di una società civile sarebbe quella esposta nei Politica Metodice Digesta, ove sono riassunte le coordinate di un «modello di Stato unitario non accentrato», fondato sulla «reciproca obbligazione di molte città e province», con la quali esse «si impegnano a costituire, organizzare e difendere, per mezzo di forze e spese comuni, il diritto del regno, nella mutua comunicazione di cose e servizi»: così J. ALTHUSIUS, Politica Metodice Digesta atque Exemplis Sacris et Profani Illustrata, Herbon, 1603, ed. it. a cura di D. NERI, Napoli, 1980, special. pp. 21 ss., 50 ss., ove è reso esplicito il tentativo di universalizzazione del «modello storico», all'epoca freschissimo, della Repubblica delle Province Unite dei Paesi Bassi; riferimenti in A. M. LAZZARINO DEL GROSSO, Alle origini di una visione federalistica dello Stato germanico, in A. ALBERTONI e M. GANCI [a cura di], Federalismo, Regionalismo, Autonomismo. Esperienze e proposte a confronto [Atti del Seminario internazionale: Enna, 24-27 giugno 1987], vol. II, Palermo, 1989, p. 555, T. HUEGLIN, Johannes Althusius: Medieval Constitutionalist or Modern Federalist, in Publius, IX, 1979, 4, pp. 39 ss., G. DUSO, Althusius. Pensatore per una società post-moderna?, in Filosofia politica, IV, 1990, pp. 173 ss.; ID., Altbusius e l’idea federalista, in Quaderni fiorentini, 1992, 21, pp. 611 ss.; R. PADDISON, Il federalismo: diversità regionali nell'unione nazionale, in G. BROSIO [a cura di], Governo decentralizzato e federalismo. Problemi ed esperienze internazionali [Problemi di Amministrazione pubblica, Quaderno n. 20], Bologna, 1995, p. 23, F. PALERMO, Germania ed Austria: modelli federali e bicamerali a confronto. Due ordinamenti in evoluzione fra cooperazione, integrazione e seconda camera, Trento, 1997, pp. 47-48, A. DANESE, Il federalismo cit., pp. 29-30;G. PASQUINO, Lo Stato federale. Un manuale per capire. Un manuale per riflettere, Milano, 1996, pp. 13-14.; J. D. ELAZAR, Idee…cit., pp.106, 113-114, 127 torna a sottolineare il rapporto stretto che lega il federalismo svizzero al .modello “althusiano” delle repubbliche comunali locali raccolte in cantoni federati nella Confederazione elvetica; L. CEDRONI, L’idea federale nella
Anteprima della tesi: Regionalismo e federalismo in Italia e in Germania. Due modelli a confronto e profili di cooperazione transfrontaliera., Pagina 9

Preview dalla tesi:

Regionalismo e federalismo in Italia e in Germania. Due modelli a confronto e profili di cooperazione transfrontaliera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daisy Galliussi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Alessandro Truini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bund
confederalismo
cooperazione transfrontaliera
corte costituzionale
costituzionalismo
decentramento
enti locali
federalismo
lander
regionalismo
regioni
repubblica
stato liberale
stato sociale
titolo v della costituzione
unione di stati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi