Skip to content

A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden, Pagina 4
5 
 
Theatre structure also changed considerably compared to the past, both at 
architectonic and formal level.                                                                                                                                                                
At formal level, theatre was more and more similar to continental features, which 
included a greater separation between audience and  actors. This separation was 
created by a proscenium jutting out into audience for about five metres of length and 
curtain represented a kind of fourth wall which separated those who played from 
those who watched the performance.                                                                                                                                  
This proscenium appeared smaller than the Elizabethan one and had some doors 
which opened to show a painted scenery so that scene could change without dropping 
the curtain and most action could take place in the small, but important, place which 
was in front of the proscenium. In the Elizabethan theatre, on the contrary, 
perspective was kaleidoscopic, as platform jutted out into the audience and almost 
involved it in the action. In the Elizabethan theatre, this participation to the 
performance was also created by fixed scenes, which, in the Restoration theatre, were 
replaced with movable ones making setting change easier. Actually, the innovation of 
movable scenes satisfied the new stage demands of comedians, who wanted to 
surprise audience with exotic costumes, special effects, sliding panels and backdrops 
which continually changed in comparison with the neutral backdrop of the 
Elizabethan drama.                                                                                                                                                
All changes of setting obviously happened under the aware look of audience, which, 
however, made lose spontaneity and realism to scene.  
A further change, which also meant a greater opening to foreign influences, was 
the advent of women on the stage. While, in the Elizabethan theatre, female roles 
were unavoidably played by men, now women began to act female roles. The first 
women who got on the stage did not shine for their virtues and discretion, but they 
were semiliterate members of the lower classes, educated to behave on the stage and 
to act so they were not accustomed to face audience; nevertheless, they met with 
great success among public. 

Preview dalla tesi:

A comparison between two ''Storms'': Shakespeare and Dryden

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Traduttore: Antimina D'agostino
  Autore: Aleotti Adriana
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Giovanna Mochi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 100

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Due ''Tempeste'' a confronto: Shakespeare e Dryden"

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dryden
enchanted island
essay of dramatick poesie
essay of dramatick poesy
prospero
shakespeare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi