Skip to content

Analisi termofluidodinamica dei reattori nucleari innovativi refrigerati a gas

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Analisi termofluidodinamica dei reattori nucleari innovativi refrigerati a gas, Pagina 9
Introduzione  I-2 
produzione e la distribuzione dell’elettricità
1
 più degli altri è assimilabile al nostro. Il costo 
dell’energia per l’industria italiana è del 95% più alto di quello sostenuto dalle analoghe industrie 
transalpine[I-2]: è oltremodo ovvio come tale sovrapprezzo si ripercuota negativamente sulla 
competitività delle nostre aziende nazionali in un mercato sempre più globalizzato. 
Ed ultima ma non meno importante è la questione ambientale. Circa i 4/5 dell’attuale produzione 
energetica italiana sono ottenuti bruciando petrolio, gas naturale e (in misura minore) carbone: tutte 
e tre le fonti emettono nell’atmosfera massicce quantità di CO
2
 e di altri inquinanti cancerogeni. 
Anche lo stesso gas metano, tante volte pubblicizzato come una fonte energetica “pulita”, emette 
nell’atmosfera non solo CO
2
 ma soprattutto, a causa delle perdite durante il trasporto, non 
trascurabili quantità di CH
4
; quest’ultimo, ai fini del famigerato effetto serra, ha una potenzialità (a 
parità di quantità emesse) quattro volte superiore a quella della stessa CO
2
[I-1]. Attualmente l’unica 
fonte in grado di produrre una rilevante quantità del nostro fabbisogno energetico senza l’emissione 
in atmosfera di CO
2
 e di altri gas nocivi è il nucleare. Per un paese come l’Italia non solo firmatario, 
ma anche strenuo sostenitore del protocollo di Kyoto, è imprescindibile porsi il problema di come 
produrre l’energia elettrica sufficiente al proprio fabbisogno riducendo le attuali quantità di gas 
serra emessi nell’atmosfera. 
Da queste considerazioni discende che nel prossimo futuro l'Italia non potrà fare a meno 
dell'energia nucleare. A questo punto dovrà rivedere le sue avventate decisioni prese sulla base di 
una presunta volontà popolare. Un esame obbiettivo degli effetti sull'ambiente e sulla salute della 
popolazione degli attuali impianti convenzionali per la produzione di energia porta come risultato la 
quantificazione di una serie di danni ben superiore a quelli conseguenti a qualsiasi ipotizzabile 
incidente nucleare. Lo stesso incidente di Chernobyl, preso come “esempio illuminante” per 
dimostrare il drammatico impatto di un incidente nucleare, ha causato (ad un esame realistico 
effettuato dalla IAEA[I-3]) 64 morti, quasi tutti per cause immediate e meccaniche e, nel lungo 
periodo, non ha prodotto alcune dimostrabile variazione nella statistica delle malattie oncologiche. 
Tutto ciò prescindendo dalla singolarità sia del reattore sia delle cause che hanno provocato 
l'incidente. 
Tra i reattori di tipo occidentale definiti “a maggior sicurezza intrinseca”, il reattore a gas ad alta 
temperatura (HTR) a ciclo diretto rappresenta uno dei candidati più quotati, sia per la sicurezza 
(quasi assoluta[I-4]) sia per il suo elevato rendimento che per le sue caratteristiche di economicità[I-
5] e di minimo impatto ambientale, compresa la polluzione termica. 
Fin dal 1945, un reattore ad alta temperatura refrigerato ad elio e moderato da grafite o da BeO 
con turbina a gas era stato proposto negli Stati Uniti da Farrington Daniels[I-2]. Il progetto non fu 
                                                 
1
 EDF in Francia ed ENEL in Italia 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Analisi termofluidodinamica dei reattori nucleari innovativi refrigerati a gas

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Guglielmo Lomonaco
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Energetica Elettrica e Termica
Anno: 2007
Docente/Relatore: Nicola Cerullo
Correlatore: WalterGrassi
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
Dipartimento: Energetica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cfd
cp
elio
energia nucleare
etdr
fattore di impacchettamento
femlab
fluent
gcfr
generation iv
gfr
hot spot
microparticelle
packing factor
particle-bed
reattori innovativi refrigerati a gas
reattori veloci a gas
relap
relap5-3d
termofluidodinamica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi