Skip to content

Attaccamento e psicopatologia: teoria dell'attaccamento e disturbo borderline di personalità

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Attaccamento e psicopatologia: teoria dell'attaccamento e disturbo borderline di personalità, Pagina 4
2 
 
in modi epistologicamente diversi. È importante evidenziare sia i punti di contatto che le 
divergenze tra le due discipline sottolineando i concetti protagonisti delle critiche di Bowlby. 
Per quanto riguarda i modelli freudiani, anche Freud come Bowlby riconosce l’importanza delle 
prime fasi di vita e si interessa agli esiti psicologici di una deprivazione precoce (Bowlby, 
1944
5
; A. Freud, 1954
6
). Egli si focalizza maggiormente sul modello della teoria affetto-trauma: 
in particolare attribuisce un significato patologico alle esperienze di seduzione sperimentate 
durante l’infanzia, che una volta represse danno luogo, attraverso i sintomi, alla patologia. 
Bowlby (1980)
7
 invece preferisce concentrarsi sul significato che l’infante attribuisce 
all’esperienza. Egli inoltre critica lo spostamento di Freud dalla teoria della seduzione infantile 
al modello topografico, in cui sostiene che i fenomeni traumatici infantili, soprattutto quelli di 
natura sessuale, non siano reali, ma fantasie del soggetto espulse dalla coscienza e ritenute come 
realmente accadute.  Bowlby (1981)
8
 giudica questo spostamento inaccettabile. Egli inoltre 
critica profondamente l’assunto della teoria psicoanalitica secondo cui alla base del legame che 
unisce madre e bambino, ci sia un’energia fisica, espressione della sessualità, chiamata libido, 
basata solamente sulla gratificazione dei bisogni orali. Freud parla di pulsioni, sessuali o 
aggressive, per spiegare come stimoli inconsci possano condizionare i comportamenti umani e 
regolare il funzionamento psichico. La pulsione sessuale principale, se non l’unica, è appunto 
la libido: il bambino sperimenta il bisogno di nutrimento, di succhiare il seno della madre come 
espressione della sua sessualità infantile. La madre sotto questo punto di vista, è considerata 
come il mezzo per la scarica della libido: la sua assenza comporterebbe una tensione derivata 
dalla pulsione non scaricata, che si tramuta poi in angoscia. Secondo la concezione freudiana 
quindi, il bambino ama la propria madre perché grazie a lei riduce la tensione interna, di 
conseguenza ritiene che la pulsione primaria sia basata sul bisogno orale, e solo dopo crea una 
pulsione secondaria relativa al legame di attaccamento. Al contrario, Bowlby rifiuta la teoria 
pulsionale e l’assunto secondo cui l’attaccamento si formi come parte dello sviluppo sessuale, 
bensì ritiene che i legami sociali siano in una posizione biologica primaria. Mentre per la teoria 
psicoanalitica non esiste un sistema comportamentale che non sottostia alle influenze della 
pulsione libidica, Bowlby trova indiscutibili i dati emersi dalle ricerche del regno animale, che 
                                                
5
 J. Bowlby, (1944), Fourty-four juvenile thieves: Their characters and home life. In International Journal of 
Psycho-Analysis, 25, pp. 19-52. 
6
 A. Freud, (1954), The widening scope of indications for psychoanalysis Discussion. In Journal Of the American 
Psychoanalytical Association, 2, pp. 607-620. 
7
 Op. cit. p. 1  
8
 J. Bowlby, (1981), Psychoanalysis as natural science. In International Review of Psycho-Analysis, 8, pp. 243-
255.

Preview dalla tesi:

Attaccamento e psicopatologia: teoria dell'attaccamento e disturbo borderline di personalità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simona Vitale
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2017-18
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giuseppe Craparo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi