Skip to content

Cathleen ni Houlihan e Riders to the Sea: due visioni dell'Irlanda a confronto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Cathleen ni Houlihan e Riders to the Sea: due visioni dell'Irlanda a confronto, Pagina 6
8 
1.1 Stereotipi nazionali: stage irishman e idealized peasant 
 
A Dublino, prima dell’esperimento di Gregory, Yeats e Martyn, c’erano tre teatri – il 
Gaiety, Royal e Queen’s. A causa di una vecchia legge, precedente l’Union Act, era 
prevista una multa di £ 300 per chiunque desse uno spettacolo al di fuori di edifici 
autorizzati – ovvero i già citati tre teatri. Questi erano dominati da compagnie di attori 
inglesi, rappresentazioni di drammaturghi inglesi ed europei, musica e varietà; i teatri di 
Dublino non erano che una versione provinciale di quelli inglesi. La popolazione irlandese 
veniva  rappresentata quasi unicamente nelle commedie, secondo lo stereotipo dello stage 
Irishman, una caricatura spesso chiamata Paddy, sempre ubriaco, inaffidabile, e 
potenzialmente traditore. Lo stereotipo esisteva già da secoli – il suo primo esempio nel 
teatro viene rintracciato in Henry V di Shakespeare – ma nella seconda metà dell’800 la 
situazione diventa quasi drammatica:  
 
[T]he most common  ethnic stereotype featured in the English comic  weeklies and on  
the  musichall  stage was  the  Irish peasant, "Paddy," a comic, quaint, drunken Irish 
buffoon. But between  1840 and  1890 the portrayal of the stage Irishman changed 
dramatically, and, as L. Perry Curtis Jr., has documented, the stereotypes of the late 
Victorian and early modern era were far more dangerous than the equivalent caricatures 
of the  mid-nineteenth  century. Largely as a result of heavy postfamine emigration into 
the worst English slums, the rise of the Fenian movement in the 1860s, and the dramatic 
succession of violent agrarian revolts in the west of Ireland, the stage Irishman was 
reduced in  British characterizations  to  a  subhuman  figure, a "white Negro" portrayed  
in Punch as a primitive Frankenstein or peasant Caliban. (Hirsch, 1119) 
 
 
Nonostante lo stage Irishman fosse una rappresentazione ridicola ed umiliante per uno 
spettatore irlandese, nel XIX secolo era già una tradizione affermata, e talvolta apprezzata
4
.  
Per questo motivo il manifesto dell’Irish Literary Theatre dichiara due intenti 
fondamentali: dare vita a teatro che si occupi di temi nazionali – “to bring upon the stage 
the deeper thoughts and emotions of Ireland” (Harrington viii) – e combattere gli stereotipi 
teatrali – “We will show that Ireland is not the home of buffoonery  and of easy sentiment, 
                                                 
4
 Lady Gregory, in “Our Irish Theatre”, riporta la risposta di un membro della “Upper House”, 
sfortunatamente anonimo, alla sua richiesta di sottoscrizione per il progetto dell’ Irish Literary Theatre: “I 
need not, I am sure, tell you how I gladly would take part in anything for the honour of Old Ireland […] 
but I must tell you frankly that I do not much believe in the movement about which you have written to 
me. […] Alas! So far from wishing to see the Irish characters of Charles Lever supplanted by more 
refined types,they have always been the delight of my heart…” (Our Irish Theatre 22) I personaggi 
irlandesi di Charles Lever (1806-72) sono famosi per essere grossolane caricature.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Cathleen ni Houlihan e Riders to the Sea: due visioni dell'Irlanda a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Gabrielli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Sauro Fabi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi

//Since preload is not supported in firefox until now (according to this) browsers the only way to do it is to declare it twice in the one rel tag or two separate tags.