Skip to content

Centri Commerciali Naturali

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Centri Commerciali Naturali, Pagina 5
8 
 
1.1.1 Il Town Centre Management 
 
Il termine “Town Centre Management”
8
 (TCM o CCM) fu originariamente coniato da 
Spriddel
 
durante una conferenza sul commercio intitolata “Town Centres of the Future”
 9
.  
Da quell’iniziale definizione, secondo la quale il TCM ha l’obiettivo di migliorare la qualità 
dello shopping nel centro città, sono passati molti anni e particolarmente ricca e complessa 
è divenuta la letteratura in materia grazie al contributo di numerosi autori
10
. Le diverse 
prospettive, spesso complementari, hanno condotto la ricerca verso un’immagine più nitida 
del TCM, la quale tiene conto non solo degli obiettivi ma di tutti i soggetti coinvolti e delle 
loro relazioni. Si tratta in sostanza di una strategia pratica, integrata, effettiva e realizzabile 
per il miglioramento della qualità delle esperienze nel centro urbano che nasce dalla 
consapevolezza che molti dei problemi che stanno affrontando i centri città sono più una 
questione di management che un problema sociale. 
I processi che interessano lo sviluppo, la promozione e la gestione integrata delle attività 
commerciali riconducibili alla destinazione del centro città trovano sviluppo inizialmente 
negli Stati Uniti a partire dagli anni Settanta; qui si sono sviluppate le prime forme di 
valorizzazione di agglomerazioni commerciali spontanee presenti nei centri urbani 
attraverso lo strumento del Business Improvement District: partnership tra 
l’Amministrazione Locale e i retailers per sviluppare progetti e servizi per la rivitalizzazione 
della funzione commerciale (quindi anche dell’ambiente urbano) all’interno dei confini di 
un’area ben definita
11
. La peculiarità principale risiede in una contribuzione obbligatoria, da 
parte dei retailers (o dei proprietari immobiliari) all’iniziativa stessa. 
In Europa la realtà nazionale che per prima e più di ogni altra ha sviluppato progetti in 
questa direzione è stata senza dubbio quella inglese, che oggi conta complessivamente 
oltre 300 iniziative attive e che vede la presenza della più importante - non solo 
                                                           
8
 Si premette che i termini “Town Centres Management” (TCM) e “City Centres Management” (CCM) sono (e 
vengono utilizzati  come) sinonimi. 
9
 Spriddel P. (1980),  Retailing - Town Centres in the 1980s. In “Town Centres of the Future: Report of an URPI 
Conference”, Reading: URPI. 
10
 La definizione più diffusa, anche se considerata poco praticata e generica, è quella di Warnaby et al. (1998), 
second la quale il TCM è “The search for competitive advantage through the maintenance and/or strategic 
development of both public and private areas and interests within town centres, initiated21 and undertaken by 
stakeholders drawn from a combination of the public, private and voluntary sectors”. Una delle definizioni più 
recenti invece è quella di Whyatt (2004), la quale è incentrata sul ruolo strategico che il TCM gioca nel: 
“gathering and sharing market information, enabling stakeholders to work together in the strategic planning 
process, setting up formal and informal communication and social networks between partners, training the 
town’s stakeholder employees to implement the regeneration strategy and maintain a marketing orientation, 
and evaluating success,in order to both motivate all involved and to assess progress”.  
11
 I BID sono a volte anche chiamati Business Improvement Area (BIA), Business Revitalization Zone (BRZ) o 
Community Improvement District (CID).

Preview dalla tesi:

Centri Commerciali Naturali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Macrì
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Gaetano Maria Aiello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
commercio
marchio
centri commerciali
marketing urbano
centro storico
posizionamento strategico
costumer satisfaction
turismo
perugia
analisi s.w.o.t.
siderno
rivitalizzazione centro storico
city mall

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi