Skip to content

Costruzioni della "razza" attraverso la lingua: dal Volksgeist al nazionalsocialismo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Costruzioni della "razza" attraverso la lingua: dal Volksgeist al nazionalsocialismo, Pagina 5
6 
 
Tutti questi sforzi non portarono, però, a un confronto fra le lingue europee che 
destasse un qualche sospetto su un’origine comune delle stesse. Mancavano ancora alcune 
tessere fondamentali del mosaico linguistico che si sarebbe dipanato di lì a poco tempo con i 
viaggi in India condotti da missionari e mercanti che avrebbero appreso qualche rudimento 
del sanscrito, riscontrando un’incredibile somiglianza tra questa lingua e quelle europee 
antiche e moderne. Il mercante fiorentino Filippo Sassetti, durante un suo soggiorno in India 
negli anni ’80 del XVI secolo, notò che i numerali italiani e quelli del sanscrito si 
somigliavano e con lui anche i due missionari Bonaventura Vulcanio e Thomas Stephens 
appurarono delle somiglianze nel lessico e nelle strutture grammaticali
2
.  
Questi riscontri non colpirono particolarmente la comunità scientifica europea, perché 
semplici somiglianze lessicali potevano essere spiegate come il risultato dei contatti fra popoli 
diversi che condividevano la stessa area geografica. Nel 1686, però, fu pubblicato a 
Wittenberg un libro intitolato De lingua vetustissima Europae, il cui autore, lo svedese 
Andreas Jäger, metteva a confronto celtico, lingue germaniche, latino, greco e antico persiano 
per dimostrare il loro legame con una lingua parlata nel Caucaso in tempi remoti e che non ha 
lasciato testimonianza se non nelle lingue in esame. Le intuizioni di Jäger, come qualsiasi 
nuova scoperta scientifica, non superarono l’ambito delle cerchie degli specialisti ed erano 
troppo avanzate per le concezioni vigenti in quel periodo. Jäger padroneggiava solo il 
persiano come lingua orientale, idioma ufficiale della dinastia achemenide che più volte si 
scontrò con il mondo ellenico per la supremazia nel mediterraneo. 
L’evento che costrinse definitivamente i linguisti a non ignorare più tali coincidenze e 
a creare strumenti di ricerca atti a spiegarle fu la colonizzazione dell’India da parte della 
corona d’Inghilterra. Il contatto con la cultura indiana tramandata dai brahmani diede ai dotti 
inglesi l’accesso alle sacre scritture dei Veda e quindi alla loro lingua, il sanscrito. In Europa 
iniziarono a circolare due grammatiche, divenute indispensabili per apprendere l’idioma 
indiano: la prima risale al 1790, pubblicata a Roma dal missionario carmelitano Paulinus a 
Sancto Bartholomeo, il quale pubblicò successivamente a Padova nel 1798 la Dissertatio de 
antiquitate et affinitate linguae Zendicae, Samscridamicae et Germanicae, opera che il 
carmelitano scrisse dopo aver notato durante i suoi studi del sanscrito e dell’iranico le 
incredibili somiglianze con le lingue germaniche, ma che non dava la sicurezza scientifica 
della parentela; la seconda grammatica fu quella di Henry Thomas Colebrooke, pubblicata a 
Calcutta nel 1805, A Grammar of the Sanscrit Language, e patrocinata dallo stesso William 
                                                           
2
 Cfr. Römer R., Sprachwissenschaft und Rassenideologie in Deutschland, Wilhelm Fink Verlag, München 1989, 
pag. 49.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Costruzioni della "razza" attraverso la lingua: dal Volksgeist al nazionalsocialismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gemmita La Peruta
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lingue e Culture Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Beatrice Wilke
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi