Skip to content

Dalla storia della scienza al romanzo storico - Riflessioni sull'approccio narrativo di Iain Pears

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Dalla storia della scienza al romanzo storico - Riflessioni sull'approccio narrativo di Iain Pears, Pagina 5
10 
 
i Polacchi nell’epoca dei «torbidi» ed ebbe un successo straordinario, a differenza dei romanzi 
successivi - «Roslavlev o i Russi nel 1812», del 1831 e «La tomba di Askol´d», del 1833 - che 
furono scarsamente considerati.
3
  
Anche Ivan Ivanovič Lažečnikov fu tra i primi, prolifici, autori russi di romanzi storici alla 
maniera di Scott, come «L’ultimo Novik», pubblicato tra il 1831 e il 1833, sul periodo di Pietro il 
Grande; «La casa di ghiaccio», del 1835, che narra dell’epoca dell’imperatrice Anna, e «L’eretico», 
del 1838. Nelle sue opere si riscontra uno sforzo continuo verso l’oggettività storica e la 
comprensione per le ingiustizie sociali delle epoche descritte.
4
 
Il romanzo di Aleksàndr Sergéevič Puškin «La figlia del capitano», dato alle stampe nel 1836 
e ambientato nel Settecento, ai tempi della zarina Caterina II, ha conosciuto un enorme successo, 
come dimostrano i numerosi adattamenti cinematografici e televisivi - si pensi all’omonimo film 
per il cinema del 1947, diretto da Mario Camerini, e allo sceneggiato televisivo del 1965, dal 
medesimo titolo. 
 
 
1.4. Diffusione in Italia 
 
Fino alla prima pubblicazione delle «Ultime lettere di Jacopo Ortis» di Ugo Foscolo, che avvenne 
nel 1801, in Italia non c’era stata ancora una produzione romanzesca di rilievo; perlopiù gli autori si 
erano rifatti ai colleghi francesi e inglesi. Lo stesso romanzo epistolare foscoliano -  il primo del 
genere - non si può dire «storico», nonostante vi sia un collegamento tra le vicende del protagonista 
e la caduta della Repubblica di Venezia, per via del punto di vista strettamente soggettivo.  
 Negli anni della Restaurazione apparvero opere dai caratteri non precisamente definiti, come 
la novella storica «Il castello di Binasco», pubblicata nel 1819 dalla scrittrice torinese Diodata 
Roero Saluzzo, e ambientata nel Trecento.  
 Il vero e proprio romanzo storico fece la sua comparsa nella nostra penisola poco dopo, negli 
anni venti dell’Ottocento, e la sua stagione fortunata si protrasse fino agli anni quaranta.  
 La fortuna delle opere di Scott in Italia si deve al traduttore Gaetano Barbieri che, nel 1822, 
pubblicò la sua versione di «Ivanhoe ovvero Il ritorno del crociato». Nei vent’anni successivi 
esplose il fenomeno: in appendice ai giornali e alle riviste italiane furono pubblicati più di cento 
nuovi romanzi storici a puntate. Tra questi si annoverano: «I Lambertazzi e i Geremei o Le fazioni 
di Bologna nel secolo XIII: cronaca di un trovatore» di Defendente Sacchi e «Il castello di Trezzo» 
di Giambattista Bazzoni, entrambi pubblicati nel 1827; «Sibilla Odaleta: episodio delle guerre 
d’Italia alla fine del secolo XV», «La fidanzata ligure ossia Usi, costumanze e caratteri dei popoli 
della Riviera ai nostri tempi», «I prigionieri di Pizzighettone», «Folchetto Malaspina», «Preziosa di 
Sanluri ossia i Montanari sardi», «Torriani e Visconti o Scene casalinghe, pubbliche e storiche della 
vita milanese nel secolo XV», tutti di Carlo Varese; e, soprattutto, «I promessi sposi» di Alessandro 
Manzoni.  
 Il genere storico incontrò fortuna in Italia perché la situazione politica induceva gli scrittori a 
mostrare esempi eroici di libertà e di resistenza all’oppressione straniera. Venne spontaneo 
recuperare questi modelli dalle vicende susseguitesi nella penisola dal Medioevo al Risorgimento, 
da cui la denominazione, tutta italiana, di «romanzo storico risorgimentale». Si trattava di un 
espediente in grado di instillare nel lettore sentimenti patriottici senza fare riferimenti espliciti alla 
situazione politica di allora, evitando, così, di incappare nella censura.  
 Inoltre, in Italia, la fortuna del romanzo storico si accompagnava alla mancata diffusione di 
altri generi che altrove stavano prendendo piede, come il gotico in Inghilterra o il sociale-
psicologico in Francia. 
 
                                                           
3
 www.treccani.it/enciclopedia/michail-nikolaevic-zagoskin 
4
 www.treccani.it/enciclopedia/ivan-ivanovic-lazecnikov
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Dalla storia della scienza al romanzo storico - Riflessioni sull'approccio narrativo di Iain Pears

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Colandrea
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Informazione ed Editoria
  Relatore: Davide Arecco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giallo
umberto eco
alessandro manzoni
romanzo storico
walter scott
lawrence stone
iain pears
an instance of the fingerpost
storia della scienza
francis bacon
rivoluzione scientifica
giallo storico
"la quarta verità"

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi