Skip to content

Due donne in convento: un confronto tra La vie de Marianne di Marivaux e La religieuse di Diderot

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Due donne in convento: un confronto tra La vie de Marianne di Marivaux e La religieuse di Diderot, Pagina 7
59 
 
dall’incontro in Chiesa, fa seguito una seconda più eccezionale che è il confluire nello stesso 
luogo.
121
 
Questo luogo è il convento, spazio chiuso come la casa del giovane, ma soprattutto 
metaforica immagine del rifugio materno, del riparo e della tentazione al ritiro dal mondo, 
tema che attraversa tutta la storia di Marianne e che consente l’inserimento di quella di 
Tervire. Il convento assume una connotazione particolare, visto che la protagonista trova 
davvero la madre, e il discorso dissuasivo che fa prendere forma alla storia di Tervire è 
condensato nel contrasto tra il comportamento della priora e quello della benefattrice. 
La priora, inizialmente conquistata dall’aspetto e dagli abiti della ragazza, una volta appresa 
la verità sulle vicende della fanciulla, passa ad un freddo rifiuto sottolineato da un vero 
capovolgimento di atteggiamento. Mme de Miran, invece, dopo aver appreso le disgrazie 
affrontate da Marianne, si sente da lei attratta e verso di lei disponibile.
122
 
Ella propone all’eroina di colmare il vuoto lasciato nel suo cuore dalla perdita della prima 
madre sostitutiva, tuttavia sopraggiungerà anche l’offerta di diventare madre a tutti gli effetti 
e di ristabilirla in una condizione di nobiltà e ricchezza. In questa scena, l’affinità è totale e 
nella fanciulla non c’è turbamento, ma speranza e nella dama c’è molta risolutezza, 
accompagnata subito da una totale serenità. Tra di loro, non c’è alcun silenzio sulla questione 
delle origini ignote, problema che ha tormentato la protagonista dopo il suo incontro con 
Valville. Se nella presentazione negativa della religiosa si scorge la premessa del fatto che la 
ragazza non sceglierà il convento, nella differenza di reazioni dinanzi a questi due incontri 
costruiti parallelamente e caratterizzati da turbamento e sotterfugi con Valville e dà fiducia e 
serenità con Mme de Miran, possiamo ravvisare la premonizione da una parte, del tradimento 
del giovane e, dall’altra, il fatto che Marianne sarà certamente accettata in seno alla nobiltà.  
Stando allo studio di Francesco Orlando, lo spostamento del racconto verso il rapporto 
intenso e profondo tra le due donne, risulta assai sorprendente se lo si colloca nel contesto 
storico della prima metà del Settecento, in cui i rapporti parentali sono caratterizzati da 
distacco e dall’indifferenza. In quest’epoca i figli sono allevati dalle balie e rimangono degli 
estranei per i loro genitori, diventando anche un peso gravoso per i poveri contadini a cui 
sono affidati. Ai tempi dell’Ancien Régime, il bambino non è considerato un valore in sé e 
vestito come un adulto in miniatura e separato dai genitori, l’infante non occupa uno spazio 
suo né nella vita, né nella letteratura.
123
 
                                                           
121
 Ibid., p.110. 
122
 Ibid.  
123
 Orlando, Francesco, Infanzia, memoria e storia da Rousseau ai Romantici, Pisa, ed. Pacini, 2007, p.344.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Due donne in convento: un confronto tra La vie de Marianne di Marivaux e La religieuse di Diderot

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Berto
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Fabio Scotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diderot
marivaux
società maschilista
vita sentimentale
settecento
romanzo francese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi