Skip to content

Fra Bildungsroman e Märchenroman: Die unendliche Geschichte di Michael Ende

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Fra Bildungsroman e Märchenroman: Die unendliche Geschichte di Michael Ende, Pagina 3
3 
 
Capitolo I. Michael Ende e Die unendliche Geschichte 
 
1.1 Profilo biografico di Michael Ende 
Michael Andreas Helmut Ende nacque nella cittadina bavarese di Garmish-Partenkirchen il 
12 novembre del 1929. I primi anni di vita furono di particolare importanza per l’autore, 
perché gettarono le basi per quella che poi sarebbe diventata la sua grande capacità artistica 
e creativa. I suoi genitori erano Luise Bartholoma (1892 – 1973), donna energica e grande 
lavoratrice, e Edgar Ende (1901 – 1965), pittore surrealista. Fu proprio quest’ultimo a 
permettergli di poter vivere un’infanzia circondato da artisti di vario genere, soprattutto nella 
città di Monaco: pittori, filosofi e scrittori ogni giorno occupavano la casa paterna, 
permettendo allo stesso Ende di partecipare a feste o a conversazioni filosofiche, nonostante 
la giovane età. Una figura, tra tutte, sembrò spiccare più delle altre: una sorta di 
Märchenerzähler [cantastorie] e vicino di casa, di nome Fanti. L’autore lo definisce come 
un «versoffene[r] Maler, ein sehr seltsame[r] und hochbegabte[r] Mensch»
1
, che nonostante 
la sua esuberanza riuscì a infondergli molta di quella magia che ritroviamo oggi nei suoi 
romanzi. 
Il periodo di relativa serenità e spensieratezza si interruppe negli anni Trenta: con l’avvento 
del regime nazionalsocialista, i quadri di Edgar Ende vennero considerati “degenerati” e la 
famiglia cadde in una condizione di relativa povertà. Nonostante ciò, Michael continuò la 
sua gioventù come la maggior parte dei bambini della sua età, frequentando la scuola, seppur 
non con la stessa passione che metteva nell’arte, e riuscendo a ultimare gli studi, grazie 
soprattutto all’aiuto economico degli amici di famiglia. 
Durante gli anni della guerra, lo scrittore riuscì a scampare all’arruolamento per pura fortuna, 
dapprima sfuggendo alla Hitler Jugend
2
 e dopo facendo parte di un movimento di resistenza
3
 
poco prima della sconfitta della Germania. La seconda guerra mondiale segnò 
profondamente Ende, sia umanamente che artisticamente, tant’è che nel 1943, dopo un raid 
ad Amburgo, dove si trovava in visita a un parente, iniziò a comporre i suoi primi versi. Fu 
sempre nella città di Monaco che il suo interesse per la poesia si acuì e che l’autore si dedicò 
allo studio del periodo romantico, in particolare di Novalis. 
                                                 
1
 [Pittore ubriaco, una persona molto strana ed estremamente dotata], trad. mia. Tratto dal sito ufficiale di 
Michael Ende, consultabile alla pagina http://www.michaelende.de/autor/biographie/fanti-der-verrueckte-
maerchenerzaehler (consultato in data 24/02/2019). 
2
 Organizzazione giovanile fondata nel 1926 dal Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi. 
3
 La “Freiheitsaktion Bayern” (FAB) era un movimento di resistenza bavarese contro il Nazionalsocialismo, 
fondato poco prima della fine del secondo conflitto mondiale.

Preview dalla tesi:

Fra Bildungsroman e Märchenroman: Die unendliche Geschichte di Michael Ende

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Samantha Corselli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scuola delle scienze umane e del patrimonio culturale
  Corso: Lingue e Letterature Moderne e Mediazione Linguistica – Italiano come Lingua Seconda
  Relatore: Natascia Barrale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 26

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

romanzo
bildungsroman
genere letterario
michael ende
die unendliche geschichte
märchenroman

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi