Skip to content

Il coinvolgimento della Cia e degli ulteriori attori nella guerra per procura anti-Urss in Afghanistan

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il coinvolgimento della Cia e degli ulteriori attori nella guerra per procura anti-Urss in Afghanistan, Pagina 9
11 
 
sciuravi (russi), associava la loro presenza all‟aumento delle violenze e si preparò già mesi prima 
dell‟invasione a combatterli. Nel frattempo Taraki decise di sbarazzarsi dell‟estremista Amin che 
però precedette il suo intento facendolo assassinare e assumendo il potere nel settembre 1979. Il 
governo sovietico tentò di attenuare le posizioni del nuovo presidente, ma il leader comunista era 
intenzionato a dare un tremendo giro di vite. Gli arresti e le eliminazioni degli avversari furono 
numerose, nella prigione di Pul-I-Charki le esecuzioni furono più di diecimila nei due mesi di 
governo di Amin. 
La campagna di terrore fece più di centomila vittime in tutto il paese; i bersagli principali erano i 
leader dei movimenti islamici, i proprietari terrieri ma anche la nascente borghesia che costituiva 
l‟elite istruita del paese. Di fronte alla campagna di terrore di Amin Mosca decise d‟intervenire. 
I russi intendevano inviare solamente un contingente limitato in Afghanistan, convinti di riuscire a 
sedare i focolai di rivolta (Herat) in poche settimane, di ristabilire l‟ordine attraverso un‟azione di 
polizia e, una volta posto sotto il loro controllo il territorio, avrebbero continuato il loro progetto 
invadendo il Pakistan e puntando verso il Golfo Persico. Gli afgani però vedevano con ostilità i 
sovietici e li consideravano invasori ed infedeli, non concepivano i valori del socialismo e non 
condividevano le riforme varate dalla D.R.A., che in sostanza rappresentava una minoranza ristretta 
della popolazione. La popolazione era mussulmana ed in quanto tale refrattaria a qualsiasi tentativo 
d‟indottrinamento di tipo marxista. La C.I.A. quindi aveva pronto un esercito di ribelli pronto a 
combattere, doveva solo fornire loro armi ed equipaggiamento. Il sostegno della C.I.A., unito a 
quello delle altre potenze come Pakistan, Cina, Egitto ed Arabia Saudita fece sì che la resistenza 
dilagasse  raccogliendo proseliti in tutto l‟Afghanistan. Inoltre il governo comunista di Kabul non 
era in grado di far fronte ai mujahiddin così efficacemente supportati, quindi l‟intervento sovietico 
era inevitabile dal momento che la smania dell‟accesso ai mari caldi e soprattutto  la Dottrina 
Breznev  non avrebbero permesso la perdita dell‟Afghanistan dalla schiera degli stati satelliti. Il 
Politburo russo in riunione ristretta decise quindi per l‟intervento rapido ma la guerra per procura 
incatenò saldamente l‟U.R.S.S. trasformando il contingente limitato in un esercito di più di 120.000 
effettivi e l‟azione di polizia in un coinvolgimento bellico decennale. Per risolvere un problema 
relativamente piccolo alla periferia del suo impero l‟Unione Sovietica s‟imbarcò in un‟avventura il 
cui esito contribuirà notevolmente al suo processo di disfacimento.

Preview dalla tesi:

Il coinvolgimento della Cia e degli ulteriori attori nella guerra per procura anti-Urss in Afghanistan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Armenio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche
  Relatore: Pietro Neglie
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stati uniti
iran
unione sovietica
egitto
afghanistan
osama bin laden
cia
carter
pashtun
gorbaciov
breznev
kgb
golfo persico
mujahiddin
isi pakistana
zia al haq
mi-6
ahmed sha massoud
tagiki
hekmatyar
stinger

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi