Skip to content

Il nodo intertestuale 'Werther'-'Ortis'

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il nodo intertestuale 'Werther'-'Ortis', Pagina 6
 6
società del tempo, confutandone serratamente  i presupposti etici fondamentali. Questa presa di 
posizione così drasticamente antirazionalistica ed anticonvenzionale sconvolge tutti i canoni estetici 
vigenti ed avvalora la tesi che Werther sia l'eroe sommo del riscatto della sensibilità naturale dal 
giogo della cultura classicista; pare che l'eroe della sovversione del sentimento esca da trionfatore 
ideale nel confronto con l "Uomo tranquillo", anche a dispetto della deliberazione suicida. 
Conseguentemente si pensa che il romanzo celebri il culto incondizionato del sentimento, come si 
va diffondendo nella impetuosa generazione dei fautori della  poetica 'stürmeriana'. La straordinaria 
diffusione del romanzo poggia principalmente sulla identificazione dell'eroe goethiano con il 
prototipo del giovane dotato di straordinaria intensità di sentire, ma contagiato dal tedium vitae, 
proprio per la incapacità di estrinsecare questa sua eccezionale affettività, attribuita solo ed 
esclusivamente alla inadeguatezza del mondo invecchiato, non in grado di soddisfare il suo 
incontaminato impulso vitalistico. Indubbiamente, il Werther segna una svolta radicale rispetto alla 
tipologia culturale dell'uomo sensibile, sorto in un clima ancora legato alla meditazione illuminista 
sul rapporto tra sentimento e ragione, e profondamente animato da un atteggiamento fiducioso 
rispetto al recupero della dimensione emotiva, in un quadro di riferimento fondato sulla equilibrata 
educazione delle passioni. In romanzi come Pamela o La Nouvelle Eloise, la passione assume una 
valenza altamente positiva, formativa per l'animo umano. Il meccanismo della confessione 
epistolare libera tutti i protagonisti di questi romanzi da inibizioni di ordine sociale o psicologico e 
conferisce dignità di espressione alla sfera emotiva, in contrapposizione all'arido intellettualismo 
razionalistico, che costituisce il vanto dei conservatori dell'ordine morale e letterario della ormai 
invecchiata fase prescrittiva della Aufklärung. Il trasporto sentimentale, minuziosamente indagato 
nelle sue pieghe più intime, non assume mai, in nessun romanzo precedente la eccezionale prova 
narrativa goethiana, caratteri così morbosamente patologici o, comunque, negativi, né attenta mai 
all'equilibrio psichico dei protagonisti delle confessioni amorose. La stessa rivelazione delle 
sfumature più complesse e  pure del libero sentire, incontaminato da veti artificiali imposti dalla 
società civile, non si sovraccarica di tensioni interiori potentemente distruttive, come succede 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Il nodo intertestuale 'Werther'-'Ortis'

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Bietolini
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Letterature comparate (Scienze letterarie)
Anno: 1998
Docente/Relatore: Arturo Mazzarella
Correlatore: MarinoFreschi
Istituito da: Università degli Studi Roma Tre
Dipartimento: Letterature comparate
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura italiana
letteratura tedesca
letterature comparate
romanzo epistolare
ultime lettere di jacopo ortis
ugo foscolo
storia della letteratura italiana
johann wolfgang von goethe
storia della letteratura tedesca
i dolori del giovane werther

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi

//Since preload is not supported in firefox until now (according to this) browsers the only way to do it is to declare it twice in the one rel tag or two separate tags.