Skip to content

Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore, Pagina 7
Analizzando gli obblighi e gli oneri che scaturiscono dal contratto di assicurazione, 
questi possono essere distinti in obblighi e oneri gravanti in capo all’assicurato e al 
contraente, e, obblighi e oneri che gravano in capo all’assicuratore.  
In capo all’assicurato sorge innanzitutto l’obbligazione, in senso tecnico, di pagare il 
premio assicurativo, alla quale corrisponde un diritto di credito con relativa pretesa e 
azione da parte dell’assicuratore
31
.   
Il premio, nel suo significato tecnico, è un corrispettivo calcolato sulla base di 
elementi probabilistici, in relazione ad una massa di rischi omogenei assunti 
dall’assicuratore e, pertanto, non in funzione del rischio che egli si è accollato con il 
singolo contratto.
32
  
Nella polizza l’entità del premio è normalmente determinata con precisione e, quasi 
sempre, in misura fissa.
33
  
L’ammontare può essere modificato solo col mutuo consenso delle parti, a meno che 
la variazione non sia prevista dalla legge; nello specifico, il contraente può chiedere la 
riduzione del premio in caso di diminuzione del rischio
34
 e l’assicuratore ha facoltà di 
aumentarlo, entro determinati limiti, ad esempio, a causa dell’aumento dei costi 
d’impresa o per effetto della svalutazione.
35
  
Il premio è indivisibile, ovvero è dovuto per tutto il periodo per il quale esso è stato 
pagato, anche se il contratto è stato annullato o si scioglie prima della scadenza del 
predetto periodo. 
36
  
L’assicuratore, in altri termini, non è tenuto alla restituzione della parte di premio 
relativa al «rischio non corso», cioè al periodo nel quale egli non è più tenuto ad 
effettuare la prestazione qualora si verificasse l’evento assicurato
37
. 
L’obbligo di pagamento incombe sul contraente e, in caso di sua morte (salvo che 
comunque non sia l’evento assicurato) si trasmette agli eredi, mentre, in caso di 
trasferimento ex lege del rapporto assicurativo per l’alienazione di cose assicurate (art. 
1918 c.c), si trasmette all’acquirente.
38
Il pagamento del premio
39
o della prima rata di esso è altresì condizione di efficacia 
                                                                                                                                               
in temporanea sostituzione della polizza, ma in aggiunta ad essa e tali sono: il contrassegno e  certificato 
di assicurazione relativa alla responsabilità civile automobilistica. La nota comprovante l’assicurazione 
relativa alla responsabilità dell’esercente l’aeromobile per i danni a terzi sulla superficie. L’ultimo comma 
dell’art. 1888 dispone poi che l’assicuratore è tenuto a rilasciare all’assicurato: duplicati o copie di 
polizza, ma solo su richiesta e a spese del contraente dal quale può anche esigere la presentazione o la 
restituzione dell’originale. 
31
 GASPERONI, Contratto di assicurazione, (in generale), op.  cit., p. 601. 
32
 DONATI-VOLPE PUTZOLU, Manuale di diritto delle assicurazioni, Milano, 2006, p. 111. 
33
 FANELLI in DE GREGORIO- FANELLI, op.cit., p. 90 Se l’indicazione manca, (ipotesi da considerare del 
tutto eccezionale), per evitare la nullità del contratto per indeterminatezza dell’oggetto, bisognerà 
verificare se esso sia determinabile sulla base delle tariffe normalmente applicate dallo stesso assicuratore. 
34
 Art. 1897 c.c.  
35
 GASPERONI, Contratto di assicurazione, (in generale), op. cit., p. 601 dove si precisa che tale facoltà è 
attribuita all’assicuratore dal D.Lg.Lt. 26-IV-1945, n° 216 e in questi casi ritiene lo stesso autore non 
sembra che possa essere riconosciuta al contraente la facoltà di recedere dal contratto in base alla regola 
dell’art. 1467 sull’eccessiva onerosità sopravvenuta. 
36
 FANELLI in DE GREGORIO- FANELLI, op. cit., p. 91 Il premio di un periodo non è divisibile secondo i 
giorni compresi nello stesso periodo. Il premio di un periodo, sebbene corrispondente alla copertura del 
rischio per tutto lo stesso periodo, è dovuto anche se poi la copertura abbia una durata molto inferiore. Si 
usa giustificare tale principio della indivisibilità con ragioni tecniche: l’assicuratore calcola le sue tariffe 
con una valutazione dei rischi, relativi complessivamente ad un certo periodo, e con un calcolo delle 
disponibilità finanziarie relative allo stesso periodo, sul quale sono calcolate anche le riserve tecniche, le 
provvigioni degli agenti, le spese di amministrazione.  
37
 DONATI-VOLPE PUTZOLU, Manuale di diritto delle assicurazioni, Milano, 2006, p. 112. 
38
 GASPERONI, Contratto di assicurazione (in generale), op. cit., p. 601. 
39
GASPERONI, Contratto di assicurazione, (in generale), op. cit., p. 602  Dove si precisa che dall’art. 1901 
c.c. non si possono trarre elementi per concludere che la legge abbia considerato il debito del premio 
 10
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Piergiacomo Gambella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paoloefisio Corrias
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

annullamento
art. 1892 c.c.
art. 1893 c.c.
art. 429 codice di commercio
assicurato
assicuratore
assicurazioni
cass. 11206/1990
codice assicurazioni private
colpa lieve
contratto
d.lgs. 209/2005
dolo colpa grave
inesattezze e reticenze
intermediari di assicurazione
obblighi di informazione
polizze inex linked
polizze united linked
recesso
tesi
trasparenza assicurativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi