Skip to content

Le misure di prevenzione: microsistema giuridico penale connotato da perenne emergenza

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
19 destinare gli oziosi ed i vagabondi alla bonifica delle terre malariche, indipendentemente dal compimento di un reato 34. La posizione complessiva della scuola positiva sul trattamento degli oziosi e vagabondi risultava realmente contrassegnata da notevoli margini di incertezza ed ambiguit , che si ponevano in parziale contrasto con l esplicito rifiuto del sistema preventivo di polizia. La dottrina recente ha riservato un estremo interesse al pensiero positivista non tanto sulle posizioni ufficiali ed esplicite tentando di comprendere se ed in quali limiti i positivisti abbiano offerto ulteriori elementi di legittimazione alle misure di polizia vigenti a cavallo dell Ottocento. Il punto di partenza Ł costituito dalla sostituzione della funzione retributiva della pena con le finalit riabilitative-curative proprie delle misure di sicurezza. Alla ovvia accusa di limitarsi a incapacitare i soggetti marginali, eliminandoli dal contesto sociale, il sistema preventivo personale avrebbe reagito millantando le finalit di emenda e di recupero sociale 35 che caratterizzavano, secondo l insegnamento positivista, ogni ambito dell intervento penale. L altro aspetto Ł costituito dalla creazione delle fattispecie soggettive di pericolosit , che i positivisti avevano costruito ora in chiave meramente antropologica, ora con maggiore attenzione alle dinamiche sociali ed economiche. Questi modelli facevano riferimento non solo al delinquente- tipo (ladri, assassini) ma anche a figure devianti e marginali (vagabondi, prostitute). Anche sotto questo profilo, il sistema preventivo personale sarebbe uscito rafforzato dalla previsione di modelli soggettivi di riferimento, che sembravano giustificare l intervento preventivo di polizia indipendentemente dalla commissione di un reato, soprattutto quando tale intervento veniva mascherato con le finalit di emenda. Infine, l idea cara a tutti i positivisti che esistessero delinquenti incorreggibili avrebbe certamente contribuito a legittimare quella spirale perversa per cui un soggetto pericoloso poteva essere progressivamente eliminato dal tessuto sociale, tramite il ricorso a misure sempre piø incisive sulla libert personale, anche indipendentemente dalla commissione di un reato. Quindi, nell analisi della pericolosit sociale, la perdita di valore del dato prognostico del reato a favore di valutazioni di carattere antropologico o criminologico avrebbe offerto una indispensabile giustificazione teorica ai provvedimenti limitativi della libert personale, sganciati dall accertamento di una violazione penale. E possibile, per , mettere in rilievo un altro elemento e cioŁ il fatto che in quell ambito culturale si approfondiva l idea, gi presente nel pensiero classico, che la legittimit del modello preventivo dipendesse dalla sua reale effettivit , dalla sua capacit di ridurre i reati all interno della societ . 1.4 Fascismo. Con l entrata in vigore del t.u. di p.s. del 1926 e con il successivo t.u.l.p.s del 1931 veniva chiarita la strategia di fondo del regime: estendere in via ordinaria le misure di prevenzione personale anche alla pericolosit politica ed amministrativizzare la loro applicazione. L ammonizione diveniva applicabile agli oziosi, ai vagabondi abituali validi al lavoro non provveduti di mezzi di sussistenza o sospetti di vivere col ricavato di azioni delittuose; alle persone designate dalla pubblica voce come pericolose socialmente o per gli ordinamenti politici dello Stato; ai diffamati, cioŁ a quelle persone designate dalla pubblica voce come abitualmente un delitto in eccesso alcolico ) sia situazioni nelle quali si prescinde datale elemento, con la sola avvertenza che nella prima ipotesi si tratterr di un sostituivo del carcere o del manicomio, nel secondo di un momentaneo rifugio, una specie di istituto di correzione ( ivi, 357). 34 M. REBORA, Oziosi evagabondi, in Enc. giuridica italiana, XII, Milano, 1915, p.1302. 35M. PAVARINI, Le fattispecie soggettive di pericolosit nelle leggi 27.12.1956 n. 1423 e 31.05.1965 n. 575 , in: Le misure di prevenzione. Atti del convegno di Alghero, Milano, 1975. L autore sostiene esplicitamente: Anche le misure di prevenzione pur restando in effetti ancora strumenti di una politica criminale oggettivamente tesa alla sola difesa sociale ricevettero nella nuova finalit emendativa-rieducativa la necessaria sublimazione, capace di riproporle ideologicamente in una veste di maggior credibilit politica. E chiaro poi ( ) che la storia che seguir sar la storia dell insanabile antinomia fra finalit dichiarate e finalit oggettivamente perseguite .
Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione: microsistema giuridico penale connotato da perenne emergenza, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Le misure di prevenzione: microsistema giuridico penale connotato da perenne emergenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Iovino
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: LMG01 Laurea magistrale in giurisprudenza
  Relatore: Sergio Moccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 325

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corte e.d.u
excursus storico
misure di prevenzione
misure di prevenzione sport
misure patrimoniali
misure personali
pacchetto sicurezza 2008
pacchetto sicurezza 2009

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi