Skip to content

Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale, Pagina 9
9 
diventata una sala per le donne alienate, un’orchestra, una platea, e, di fronte alla scena, un palco 
riservato al direttore e ai suoi amici. Di fronte al teatro e da ogni lato di questo palco che emergeva 
sulla platea, si elevavano gradini destinati a ricevere a destra da quindici a venti donne, e a sinistra 
altrattanti uomini più o meno privi della ragione, quasi tutti dementi e abitualmente tranquilli. Il resto 
della sala, o platea, era riempito da gente estranea e da un piccolo numero di convalescenti. Il fin 
troppo famoso de Sade era l’ordinatore di queste feste, di queste rappresentazioni, di queste danze, e 
non si arrossiva di chiamare a questo fine delle ballerine e delle attrici dei piccoli teatri di Parigi
26
. 
 
Infatti, oltre ad essere l’ideatore di quest’iniziativa, de Sade, dietro consenso di de 
Coulmier, si occupava anche della preparazione degli spettacoli, individuando i testi da 
rappresentare, distribuendo le parti, dirigendo le prove e occupandosi della formazione 
teatrale dei pazienti, i quali, accanto ad attori professionisti, venivano impegnati in parti 
secondarie
27
. Esquirol osserva inoltre che, in realtà, questi malati oltre ad essere attori 
erano spesso anche spettatori osservati da parte delle persone che accorrevano ad 
assistere a tali spettacoli, curiosi di osservare il contegno adottato dai malati che 
assistevano agli spettacoli senza prendervi parte attivamente: 
 Gli alienati che assistevano a queste rappresentazioni teatrali erano l’oggetto dell’attenzione e 
della curiosità di un pubblico leggero, sconsiderato e talora malvagio. Il comportamento bizzarro di 
quegli infelici, il loro contegno provocavano le risa beffarde e la pietà insultante degli astanti
28
. 
 
 
Gli spettacoli organizzati dal marchese De Sade si tennero fino al 1813, anno in cui 
le autorità governative ne decretarono la proibizione
29
. Dal canto suo, Esquirol, parlava 
di questo trattamento che de Coulmier riservava ai suoi pazienti con toni di biasimo. 
Egli, che qualche volta accompagnava i suoi pazienti agli spettacoli parigini, riteneva 
infatti che: 
 
Affinché le rappresentazioni teatrali possano essere di una qualche utilità agli alienati, ci vorrebbe 
un teatro, delle opere teatrali, una musica e degli spettatori creati appositamente per ogni malato, in 
quanto l’applicazione dell’influenza morale al trattamento degli alienati dovrebbe prevedere tante 
varianti quanti sono i diversi modi di sentire
30
.   
 
In altre parole, come già nel Seicento aveva fatto Baglivi, egli intuiva la necessità di 
un trattamento adeguato alle  specifiche esigenze del singolo paziente, che poteva anche 
consistere nel solo assistere a delle rappresentazioni teatrali in grado di procurargli 
quello choc emotivo che, quando si tratta di dover liberare una persona dai suoi deliri, è 
molto più efficace del tentativo di farla ragionare, poiché dotata di maggior potere di 
convinzione
31
.  
Ora, è da sottolineare che molti, avendo scarse conoscenze in materia, sono convinti 
che teatroterapia e psicodramma siano sinonimi, ma in realtà tra la teatroterapia, con cui 
de Coulmier impegnava i suoi pazienti, e lo psicodramma c’è una grossa differenza. 
Come già è stato detto, la prima consiste nel far realizzare ai malati delle vere e proprie 
rappresentazioni teatrali, basandosi su dei testi preventivamente preparati e dopo un 
periodo di preparazione, mentre con lo psicodramma ci s’impegna nella 
rappresentazione dei propri contenuti mentali, ma senza prima farne un testo scritto e 
                                                 
26
 ESQUIROL E. (1838), Des maladies mentales considérés sous les rapports médical, hygiénique et 
médico-légal, Paris, Baillère, cit.in 216.   
27
 Cfr. ANZIEU D. (1978), cit., pp. 215-216. 
28
 ESQUIROL E. (1838), cit. in FOUCAULT  M. (1961), Histoire de la folie à l’âge classique, Gallimard, Paris, 
tr. it Storia della follia, Rizzoli Editore, Milano, 1980, p. 149. 
29
 Cfr. ANZIEU D. (1978), cit., pp. 215-216. 
30
 ESQUIROL E. (1838), cit. in DE GROOTE  M.R. (1967), p. 227.
 
31
 Come il suo maestro Pinel, Esquirol era convinto che le passioni fossero causa di disordini intellettuali 
e morali e conseguentemente a questa sua convinzione attribuiva grande importanza al trattamento 
morale, ed in particolare come abbiamo visto riteneva particolarmente efficace quello fondato sullo choc 
emotivo. Cfr. DE GROOTE  M.R. (1967) cit., p. 227-229.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Cristina Cois
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Vincenzo Bongiorno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

catarsi
creatività
empatia
formazione
handicap
moreno
play back
psicodramma
ruolo
schutzenberger
semirealtà
sociodramma
sociometria
spontaneità
stanislavskij
tele+
theatre
transfert
triadico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi