Skip to content

Lo Sguardo del Viandante. Traduzione e commento di Fatal Revenge di Charles Robert Maturin

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Lo Sguardo del Viandante. Traduzione e commento di Fatal Revenge di Charles Robert Maturin, Pagina 7
nella Tale of the Indians Monçada riporta ciò che c’è scritto sui papiri di Adonijah, affidando la
narrazione a un ignoto scrittore. Allo stesso modo, The Lovers’ Tale prende le mosse da The Tale of
Guzman’s Family, creando un impianto singolare e molto complesso. Solo l’arrivo di Melmoth
l’Errante, sul finale, sembra poter rompere la catena narrativa; la sua comparsa silenzia ogni
congettura, e ogni filo narrativo viene lasciato cadere. Come indica Felicitas Meifert-Menhard
nell’Handbook of British Romanticism
6
, in Melmoth the Wanderer si ha una prospettiva plurima,
unita a una narrazione inaffidabile. Tutto questo concorre a un’ambiguità morale ed epistemologica;
non si può comprendere il mondo da un unico punto di vista, ma serve lo sguardo d’insieme.
1.3. Questioni di prospettiva
I due romanzi hanno in comune la narrazione a più prospettive.
Esiste una sola verità, ma per raggiungerla, bisogna unire i puntini, mettere insieme le
testimonianze, rendersi conto del quadro generale. Questo è vero sia per Melmoth che per Fatal
Revenge, e ogni personaggio vive gli eventi che accadono in modo assolutamente personale. Come
si può leggere Fatal Revenge e riuscire a comprendere la rabbia e il dolore di Orazio senza
conoscerne il retroscena? Come compatire le forti emozioni che Erminia e Ildefonsa suscitano nel
conte Montorio, senza sapere del terribile delitto? Davvero possiamo essere d’accordo con la scelta
di Ippolito di affidarsi all’Inquisizione in modo volontario, senza sapere che per lui seguire
Schemoli sarebbe un destino ancora peggiore?
Come ci si può approcciare a Melmoth e sperare di penetrare i segreti del Viandante, senza aver
compreso gli effetti devastanti che lui stesso porta a quanti lo circondano? Come possiamo
compatire Monçada, vessato dal Padre Superiore, senza essere a conoscenza del suo desiderio di
libertà dai sacri voti ecclesiastici? Milbank
7
, giustamente, vede qui una critica sferzante al
cattolicesimo. Il povero  Monçada deve pagare per i peccati carnali dei suoi genitori, una punizione
insensata e crudele; le torture che subisce nel monastero sono terribili quasi quanto quelle
dell’Inquisizione, senza appello e senza apparente via d’uscita.
Sempre la Meifert-Meinhard, citando Vera Nünning
8
, ci dice che è difficile stabilire la presenza
effettiva di un narratore inaffidabile, dal momento che siamo molto abituati ad avere a che fare con
l’inaffidabilità, persino nella vita reale. Ritengo, però, che l’inaffidabilità non si riscontri tanto nel
6 Ralf Haekel, Handbook of British Romanticism, Berlin, De Gruyter, 2017.
7 Alison Milbank, God & the Gothic: Religion, Romance, & Reality in the English Literary Tradition, Oxford, Oxford 
University Press, 2018.
8 Vera Nünning, Unreliable Narration and Trustworthiness: Intermedial and Interdisciplinary Perspectives, Berlin, De 
Gruyter, 2015.
9

Preview dalla tesi:

Lo Sguardo del Viandante. Traduzione e commento di Fatal Revenge di Charles Robert Maturin

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Sanesi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Interpretariato e Traduzione
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Roberta Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

traduzione
maturin
melmoth
commento
roberta ferrari
matteo sanesi
viandante
fatal revenge
schemoli
montorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi