Skip to content

Lo stilista e il manager: un unico binomio. Creatività e management a confronto.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Lo stilista e il manager: un unico binomio. Creatività e management a confronto., Pagina 4
6 
 
voci che sfocia nel luogo comune, associando la creatività a un ripetuto sommario di parole 
incantate  - arte, fanciullezza, fantasia, genio, idee, inventiva, invenzioni, ispirazione, novità, pazzia, 
sogno, talento, vena -, a una lunga gamma di sinonimi generici che risulta piuttosto limitante nel 
momento in cui si vuole uscire da una dimensione d’immaterialità.  Se però consideriamo come 
punto di partenza l’etimologia e la derivazione del termine, la sua astrazione verrà indubbiamente 
meno e subentrerà una concezione molto più vicina ad un fare, ad una creatività affine ad un’azione, 
un’attività pratica o un’operosità dinamica. Il verbo italiano “creare” infatti, apparso per la prima 
volta nel 1276 [De Mauro]
4
 o nel 1294 [Cortellazzo-Zolli, dizionario etimologico della lingua 
italiana]
5
, ha origine latina e condivide assieme al verbo “crescere” la radice KAR, la quale si ritrova 
nel sanscrito KAR-OTI (creare, fare) e KAR-TR (colui che fa, creatore) e ugualmente nel greco 
KRAINO (creo, produco, compio), KRANTOR e KREION (dominatore, colui che propriamente fa, 
crea
6
). L’etimo della parola va a riflettersi nelle attuali definizioni da dizionario, che continuano a 
rimanere la fonte primaria più adeguata per tracciare i sommi capi del perimetro entro cui la 
creatività si muove: 
 
- Zingarelli: Capacità creativa, facoltà inventiva: la c. dei bambini | (psicol). Capacità 
di produrre nuove idee, invenzioni, opere d’arte e sim. | (ling.) Capacità del parlante di 
capire e di emettere enunciati che prima non ha mai sentito. 
- Devoto-Oli: Capacità produttiva della ragione o della fantasia, talento creativo. 
 
In via sintetica, si può dunque affermare che la creatività è prima di tutto una capacità, non 
semplicemente una virtù innata, ma un qualcosa che ha bisogno di essere coltivato e sviluppato: in 
termini di crescita, sono i fattori DNA e ambiente ad interagire sempre tra loro. Capiamo inoltre che 
la creatività è, sì, una capacità, ma una capacità produttiva, quindi non fine a se stessa, bensì volta 
a conseguire un obiettivo, quello di concepire nuove idee, di rinnovare, modernizzare, di trovare 
soluzioni efficaci, di “trasformare introducendo metodi nuovi” [De Mauro], di “unire elementi 
preesistenti in combinazioni nuove e utili” [Poincaré
7
]. Si potrebbe quasi citare la legge chimico-
                                                                                                                                                                                                  
3
 Intr. di Guerrini L. in Iommi, S. [2012], Appunti per un’analisi dell’ambientazione nel film, Vecchiarelli, Bologna. 
4
 Tullio De Mauro [1932] è un linguista italiano, curatore del dizionario omonimo edito nel 2000. 
5
 Cassese, L. [febbraio 2010], art. La creatività è una competenza misurabile?. Riportato il 26 settembre 2012 da 
www.professioneformatore.it. 
6
 Raffa, S. [giugno 2012], art. La creatività e il pensiero quotidiano. Riportato il 25 settembre 2012 da 
www.soniaraffa.com. 
7
 Il divulgatore francese Henri Poincaré [1854 – 1912] è considerato l’ultimo universalista, poiché eccelse in tutti i 
campi della disciplina nota ai suoi giorni: matematico, fisico, astronomo e filosofo della scienza. È all’interno del libro 
Scienza e Metodo, che nel 1906 racconta la propria esperienza e il proprio pensiero sulla creatività e sui processi mentali 
che generano intuizioni creative. Si tratta di una raccolta di saggi circa questioni di metodologia scientifica, trad. it. 
Einaudi, 1997.

Preview dalla tesi:

Lo stilista e il manager: un unico binomio. Creatività e management a confronto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Cestari
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Culture e Tecniche della Moda
  Relatore: Nicoletta Giusti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

management
moda
creatività
pierre bourdieu
coppie
manager
stilista
storia della moda
binomio creativo
pierre bergé

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi