Skip to content

Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa, Pagina 7
stipula di un più innocente accordo di mutua difesa contro eventuali aggressioni esterne. Per quel 
che riguarda l'OSA, il ruolo degli Stati Uniti assunse sfumature diverse a seconda dei periodi, ma fu 
in  generale  meno invasivo.  E'  però importante  sottolineare  come un  progetto  importante  come 
l'ALCA (Area di Libero Commercio delle Americhe) fu presentato e negoziato all'interno dell'OSA, 
a testimoniare l'indubbio perso politico che ha raggiunto l'organizzazione.
Se prendiamo invece in esame i percorsi di integrazione della sola area sudamericana, non possiamo 
non sottolineare l'importantissima funzione di impulso svolta dalla Cepal (Commissione Economica 
per  l'America  Latina),  soprattutto  sotto  la  direzione  di  Raul  Prebisch,  fermo  sostenitore  dello 
strutturalismo  e  della  succitata  teoria  dell'ISI.  Nel  1960  nacque  l'ALALC  (Associazione 
Latinoamericana di Libero Commercio)25, che però, al di là dell'importante dialogo interstatale che 
riuscì ad avviare, non ottenne i risultati sperati, e venne perciò sostituita da un'associazione meno 
ambiziosa, l'ALADI26 (Associazione Latinoamericana di Integrazione), con scopi più blandamente 
politici che economici.
Ebbero  invece  maggiore  successo  gli  accordi  di  associazione  fra  aree  meno  vaste,  fra  i  quali 
ricordiamo il Mercato Comune dell'America Centrale27,  la Comunità del Caribe28 e la Comunità 
Andina29.  Queste  associazioni,  nonostante  la  pesante  crisi  che  caratterizzò  le  economie 
sudamericane negli anni Ottanta, persistono tutt'oggi, e assieme al Mercosur sono proiettate verso 
una reciproca integrazione sempre più forte.
1.2.Il Mercosur
 1.2.1 Origini e obiettivi
La  prima  ipotesi  organica  d’integrazione  del  Cono  Sud  risale  addirittura  al  1909,  con  la 
formulazione di un progetto di Unione doganale tra i paesi attualmente membri del Mercosur, ma si 
può  dire  che  solo  a  partire  dalla  metà  degli  anni  ’80,  da  quando  cioè  Argentina  e  Brasile 
smantellarono i  rispettivi  regimi militari  e  il  loro pericoloso bagaglio  di  nazionalismo politico-
economico, che alimentava una rivalità tanto antica quanto tenace per l’egemonia regionale, per 
tornare a forme di democrazia stabile e compiuta, il progetto di un mercato economico comune ha 
cominciato a farsi strada.
La ritrovata democrazia ha, infatti, recato con se’ la necessita` di ammodernare sistemi economici 
chiusi  o  addirittura  autarchici,  obsoleti  quanto a  livello  tecnologico e  capacita`  produttiva,  non 
competitivi se costretti a misurarsi sui mercati aperti e oberati da debiti esteri enormi e in
continua crescita.
Logico quindi che, anche a scopo difensivo, quale difesa ai blocchi commerciali già esistenti come 
la CEE, il Nafta o l’Apec, Argentina, Brasile, Uruguay (il Paraguay ha aderito solo a fine decennio, 
per il perdurare della dittatura Stroessner) abbiano pensato di unire le loro forze per armonizzare e 
poi integrare il più possibile i propri sistemi economici.
L’ostacolo principale, oltre all’accennata, antica rivalità (per 120 anni, ad esempio, fino al 1987, 
l’Argentina non aveva mai  effettuato alcuna manifestazione espositiva di  prodotti  industriali  in 
Brasile) è costituito dalle precedenti esperienze, pressoché fallimentari, dell’ALALC (Associazione 
Latino-americana  di  Libero  Commercio),  creato  nel  1960  da  undici  Paesi,  e  dall’ALADI 
(Associazione  Latinoamericana  di  Integrazione)  lanciata  nel  1980,  come  proseguimento  della 
25 Formata da Argentina,  Brasile,  Cile,  Messico,  Paraguay,  Perù e  Uruguay,  cui  si  aggiungeranno in  un secondo 
momento Ecuador, Colombia, Venezuela e Bolivia.
26 Formata dagli stessi paesi membri dell'ALADI, è tuttora in vigore.
27 In vigore dal 1960, costituito da Guatemala, Costarica, Salvador e Nicaragua.
28 In vigore dal  1966, costituita  da Guiana, Antigua, Barbados,  Giamaica,  Trinidad, Tobago,  Dominica,  Granada, 
Montserrat, Santa Lucia e San Vicente. Dal 1973 prende il nome di Mercato Comune del Caribe (CARICOM).
29 In vigore dal  1969, costituita  da Bolivia,  Perù,  Cile (che si  ritirò nel  1975) e  Venezuela (che ha abbandonato 
l'organizzazione nel 2006, per aderire al Mercosur).
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Firino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luigi Bua
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi