Skip to content

Moralità e religione nei cosiddetti "Scritti teologici giovanili" di Hegel

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Moralità e religione nei cosiddetti "Scritti teologici giovanili" di Hegel, Pagina 4
la morte ) da parte di molti suoi contemporanei fanaticamente vincolati a pratiche 
“superstiziose”, sotto l’egida di un clero arroccato su posizioni di privilegio e di 
potere socio - politico - economico. Sembrerebbe non difficile scorgere una certa 
affinità tra il destino di Gesù e quello ormai bimillenario di una religione incentra 
ta sul suo personaggio, nel senso della contraddizione tra le esigenze più pure di 
razionalità, interiorità, autonomia, libertà, eguaglianza, amore universale verso 
tutti, partecipazione alla vita divina, al centro del suo originario messaggio, da un 
lato, e una religione cristallizzata in dogmi, istituzionalizzata, alleata del potere e 
del privilegio, fortemente discriminatrice, intollerante ed oscurantista, dall’altro.  
La riscoperta della essenza del cristianesimo, secondo il giovane Hegel, deve 
passare attraverso la “ricerca storico - critica” delle Sacre Scritture dell’Antico e 
del Nuovo Testamento, attraverso uno studio scientifico la cui importanza è stata 
sottolineata già nel Settecento, sulla base del presupposto della separazione del 
Gesù della storia dal Cristo della fede e anche in forza del principio lessinghiano 
secondo il quale le verità storiche non possono fondare le verità razionali, con un 
totale rigetto del soprannaturalismo e del miracoloso. 
Com’è inevitabile interrogarsi sulla essenza del cristianesimo, allo stesso modo è 
d’obbligo la domanda circa l’essenza della religione. L’una sta o cade con l’altra.   
Per il giovane Hegel che cosa è la religione e in cosa essa consiste ? Essa è un 
“bisogno dello spirito umano” e, kantianamente parlando, un principio regolativo 
dell’agire pratico. È un bisogno, secondo il filosofo di Stoccarda, che coinvolge 
ampie funzioni dello spirito, tra le quali la memoria, l’immaginazione, il cuore, e 
implica un “sentimento della vita infinita e dell’unità del tutto” nel quale si 
esprime  la  coscienza  dell’unità - distinzione. 
Come ha insegnato Kant, la moralità è autosufficiente. Eppure perché possa 
essere esercitata in pienezza, essa si accompagna alla religione. L’idea di Dio è 
indispensabile perché — nonostante che un’azione sia morale in quanto risponda 
all’imperativo categorico di per sé incondizionato — palesa sempre una salda 
convinzione secondo la quale un’azione buona va premiata e una cattiva invece 
punita e che ci sia un garante supremo, credenza che non appare incompatibile 
con la stessa ragione umana. Quando il celebre professore di Konigsberg scrive il 
suo saggio La religione nei limiti della semplice ragione, nel 1793, interrogandosi 
su cosa ci è lecito sperare, egli considera la moralità come il terreno più favorevole 
perché possa fecondare la stessa religione trattandosi, il suo, di un tentativo di 
investigarne in modo extrateoretico l’essenza.  
Il giovane Hegel forza i limiti della filosofia morale kantiana. La moralità presenta 
caratteri di scissione tra l’interiorità e l’esteriorità, tra lo spirito e la natura, tra il 
dovere e l’effettualità. Il dovere morale, pur essendo fondato in se medesimo, 
richiama l’ipotesi dell’esistenza di una divinità superiore capace di inscrivere nella 
mente di ogni uomo un così elevato principio di condotta. Si tratta di un 
paradosso del kantismo che mostra come ogni individuo sia interpellato  da un 
4

Preview dalla tesi:

Moralità e religione nei cosiddetti "Scritti teologici giovanili" di Hegel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Cuccaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Marco Ivaldo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi