Skip to content

«Poi c’hanno dato la casa alle Vallette» Privatizzazione domestica, comunità, famiglia nella Torino del miracolo economico

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: «Poi c’hanno dato la casa alle Vallette» Privatizzazione domestica, comunità, famiglia  nella Torino del miracolo economico, Pagina 3
2 
le hanno e ancora oggi le abitano: dagli errori di progettazione, alle speculazioni successive, 
fino alla concentrazione di fragilità sociali. Ciò nonostante, leggere queste realtà solo con una 
chiave di lettura del disagio è limitante. Ponendo l’attenzione sui singoli vissuti emergono, al 
contrario, percorsi sociali più eterogenei che ci obbligano a riconoscere la complessità che 
caratterizza questi luoghi. Una complessità che può essere valorizzata e compresa con un 
approccio d’analisi capace di coniugare in un’unica prospettiva la storia urbana con quella 
politica e sociale
5
. Una dimensione interdisciplinare che permetta, finalmente, di emancipare 
la storiografia urbana italiana dalla «storia del costruito, dello spazio fisico»
6
 per poter 
approfondire anche le caratteristiche sociali, le condizioni di vita, le culture materiali, le forme 
di socialità. 
Negli ultimi anni innovative ricerche si sono mosse lungo questa direttrice, adottando quadri 
analitici più ampi ma, a differenza di altri contesti come Roma
7
 e l’area milanese
8
, per la 
maggioranza dei quartieri torinesi una profonda ricostruzione e studio critico è ancora da 
avviare
9
. In realtà, allargando lo sguardo, è una carenza che caratterizza l’intero panorama 
degli studi sociali sulla Torino del miracolo economico. Ad esclusione di un limitato gruppo 
di ricerche capitanate dal “classico” di Goffredo Fofi sull’immigrazione meridionale del 
1964
10
, sappiamo ancora troppo poco, come denuncia Fabio Levi, dell’«esistenza concreta 
degli uomini e donne, diretti protagonisti dello sforzo produttivo e del cambiamento sociale»
11
 
di quell’importante stagione storica. Il miracolo economico rappresenta una violenta cesura 
nella storia cittadina e nazionale. Muta radicalmente il «modo di produrre e di consumare, di 
pensare e di sognare, di vivere il presente e di progettare il futuro»
12
. Si afferma il capitalismo 
fordista, mentre l’agricoltura perde la sua centralità. Allo sviluppo del settore industriale si 
affianca quello del terziario dei servizi, in un’espansione sempre più rapida della società dei 
consumi e di un benessere diffuso, seppur non generalizzato. Si alterano le geografie umane e 
sociali: lembi del paese poco comunicanti si scoprono più vicini e accessibili. Gli imponenti 
                                                
5
 Un esempio per un approccio interdisciplinare alla storia urbana si rimanda a: L. Villani, Le borgate del 
Fascismo. Storia urbana, politica e sociale della periferia romana, Ledizioni, Milano 2012.  
6
 C. Calabi, La storia urbana in Italia, consultazione sul sito: http://www.storiaurbana.it, citato in L. Villani, Le 
borgate del Fascismo cit., p. 13. 
7
 Cfr. A. Sotgia, INA Casa Tuscolano: biografia di un quartiere romano, Franco Angeli, Milano 2010.  
8
 Cfr. F. Cumoli, Un tetto a chi lavora. Mondi operai e migrazioni italiane nell’Europa degli anni Cinquanta, 
Guerini e associati, Milano 2012; J. Foot, Il boom dal basso: famiglia, trasformazione sociale, lavoro, tempo 
libero e sviluppo alla Bovisa e alla Comasina (Milano). 1950-1970, in Tra fabbrica e società: mondi operai 
nell'Italia del Novecento, a cura di S. Musso, Feltrinelli, Milano 1999, pp. 617-650. 
9
 Lo stesso giudizio in: P. Di Biagi, La città pubblica. Edilizia sociale e riqualificazione urbana a Torino, 
Umberto Allemandi & C., Torino 2008. 
10
 Cfr. G. Fofi, L’immigrazione meridionale, Feltrinelli, Milano 1975 (seconda edizione). 
11
 F. Levi, Introduzione, in La città e lo sviluppo. Crescita e disordine a Torino. 1945-1970, a cura di F. Levi, B. 
Maida, Franco Angeli, Milano 2002, p. 10.  
12
 G. Crainz, Storia del miracolo italiano. Culture, identità, trasformazioni tra anni Cinquanta e Sessanta, 
Donzelli, Roma 2005, p. VII.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

«Poi c’hanno dato la casa alle Vallette» Privatizzazione domestica, comunità, famiglia nella Torino del miracolo economico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Coccorese
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Stefano Musso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

torino
miracolo economico
familismo
periferia
ghetto
edilizia pubblica
meridionali
case popolari
storia urbana
quartieri popolari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi