Skip to content

"Prima della tempesta". I rapporti Iran–Iraq dall’avvento di Khomeini alla Prima Crisi del Golfo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: "Prima della tempesta". I rapporti Iran–Iraq dall’avvento di Khomeini alla Prima Crisi del Golfo, Pagina 8
12 
opportuno partire da un’utile premessa: la rivalità tra sciiti e sunniti. Sappiamo 
che le complessità etniche e religiose, come quelle che caratterizzano il caso 
iracheno e iraniano, sono spesso fonte di problemi di instabilità politica. Se a 
questo aggiungiamo le pressioni esterne di un paese vicino, con il quale si 
condivide storia, cultura, religione, (come tra Iraq e Iran), la situazione diventa 
ancora più complessa.  
La “grande discordia” tra sciiti
4
 e sunniti
5
 nasce sulla base di una visione 
diversa della società, del diritto, del consenso della umma (comunità). Le relazioni 
tra le due comunità in Iran e in Iraq non sono mai state buone e si sono deteriorate 
soprattutto con l’avvento della dinastia safawide in Persia, le cui iniziative, in 
favore dello sciismo, suscitarono le proteste dell’Impero Ottomano.
6
Confessione ufficiale dell’Impero Ottomano, il sunnismo venne sempre 
associato all’oppressione degli occupanti e lo sciismo rappresentava una sorta di 
 Siamo di 
fronte a due mondi, quello arabo e quello persiano, etnicamente, culturalmente, 
politicamente e religiosamente in competizione. È da questo scontro politico-
religioso che nasce una delle rivalità regionali più controverse dei nostri tempi, 
colorata di toni nazionalistici e spirituali, intrecciata con gli intrighi delle 
compagnie petrolifere e, non da ultimo, animata dall’ambizione condivisa di 
raggiungere l’agognato ruolo di leadership nel quadrante mediorientale. 
                                                 
4
 Dall’arabo shi’at Alì (“partito di Alì”), gli sciiti sono in totale circa il 15% dei fedeli musulmani. 
Il ramo principale degli sciiti è quello dei duodecimani, diffuso in Iraq meridionale, Iran e nel 
Subcontinente indiano, con alcune minoranze in altri stati dell’Asia centrale, del Mashrek e del 
Golfo. La “grande discordia” ha origine con la morte del Profeta, per la successione alla guida 
della comunità. Mentre i sunniti (la maggioranza dei musulmani) riconobbero l’autorità dei “califfi 
ben guidati”, gli sciiti seguirono una scuola di pensiero differente, ritenendo che solo il quarto di 
loro, il cugino e genero di Maometto, Alì, fosse il legittimo successore. I duodecimani credono 
nella dottrina dell’Imamato, secondo la quale il dodicesimo Imam non è morto, vive nascosto e si 
rivelerà agli uomini come Messia. Tutti gli altri Imam sono morti martiri e ancora oggi, se ne 
venerano alcuni. Il più importante è il martirio di Husayn, terzo Imam, commemorato nella festa 
dell’Ashura. La giustizia sciita si basa sul Corano, sulla tradizione e sul consenso degli studiosi. I 
giuristi sciiti, in contrasto con i sovrani, in larga parte sunniti, non dovrebbero dedicarsi alla 
politica. L’attivismo politico sciita nasce nel XX secolo proprio con la Rivoluzione Iraniana.  Cfr. 
Elger R., a cura di, Piccolo Dizionario dell’Islam, Einaudi Tascabili, Torino, 2001, pp. 308-310 
5
 I sunniti costituiscono l’85% della popolazione musulmana e seguono le quattro scuole 
giuridiche islamiche, che nascono dal secolo IX in poi come portavoce della Sunna sul Profeta, e 
della comunità musulmana. La sunna, il comportamento abituale, (la consuetudine), rappresenta la 
seconda fonte di norme religiose, dopo il Corano. Le scuole giuridiche sunnite sostengono di 
rappresentare l’essenza della tradizione e si basano sul consenso della Ummah (comunità). Cfr. 
STRIKA V., La Guerra Iran-Iraq e la Guerra del Golfo, Op. Cit. pp. 335 e segg. 
6
 La dinastia autoctona dei Safawidi riuscì a scuotere il giogo straniero, e sconfisse il sultano 
mongolo Abu Said. Primo Scià del Nuovo Impero Persiano (durato fino al 1722) fu Ismail I, lo 
stesso che nel 1501 adottava lo sciismo come religione di stato. Cfr. Atlante Storico, Le Garzatine, 
Redazioni Garzanti, Milano, 2003.

Preview dalla tesi:

"Prima della tempesta". I rapporti Iran–Iraq dall’avvento di Khomeini alla Prima Crisi del Golfo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Stinelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Lefebvre D’Ovidio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi