Skip to content

Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie, Pagina 6
“P rima Infa nz ia e tecno lo gie digita li”
8
3
Per approfondimenti sull’argomento: https://www.focus.it/tecnologia/innovazione/ecco-la-vera-storia-
del-touchscreen
4
Espressione nata in seno all’amministrazione statunitense della presidenza Clinton (1993-2001) per indicare
la disparità nelle possibilità di accesso ai servizi telematici tra la popolazione americana. L’uso dell’espressione
è oggi diffuso a livello mondiale, a indicare la consapevolezza globale di una problematica di accesso ai mezzi
di informazione e comunicazione da parte di determinate aree geografiche o fasce di popolazione.
http://www.treccani.it/enciclopedia/digital-divide_%28Enciclopedia-della-Scienza-e-della-Tecnica%29/
po sso no essere utilizzati fac ilmente, anc he d a c hi anc o ra no n ha sv iluppato c o mpetenze d i
letto -sc rittura e o c ulo -manuali, a d ifferenza d el c o mputer c he ric hied e c o mpetenze d i base
ind ispensabili per po ter essere utilizzato . Ad o ggi, no n è inusuale assistere alla sc ena d i un
bambino c o n meno d i d ue anni c he auto no mamente prend e uno smartpho ne o un tablet lo
sblo c c a c lic c a sull’ic o na d el app d esid erata e inizia a fruire d ei c o ntenuti med iatic i d i suo
interesse, c o me c anzo nc ine, gio c hi o v id eo d el perso naggio preferito , sc ena c he fino a po c hi
anni fa sarebbe risultata inimmaginabile.
L e tec no lo gie to uc h so no state inv entate negli anni No v anta, ma è c o n l’immissio ne
sul merc ato , nel 2007 d el primo iPho ne, d a parte d i Apple, c he si so no pian piano affermate,
riv o luzio nand o il mo nd o d ei d isplay
3
. A seguito , nel 2010 si so no c o minc iati a d iffo nd ere d ei
nuo v i d ispo sitiv i d igitali, i tablet, c he av ev ano c o me c aratteristic a princ ipale pro prio l’essere
stati pensati e c reati, appo sitamente per essere gestiti so lo attrav erso il to c c o . C o n
l’intro d uzio ne d ello sc hermo tattile v iene, quind i, ripristinata la c o rpo reità nell’interazio ne
c o n la tec no lo gia, abbattend o in questo mo d o le barriere c he fino a quel mo mento av ev ano
imped ito ai bambini più pic c o li d i fare esperienza e fruire d elle po tenzialità d el mo nd o
d igitale.
2. B amb in i e n u ovi med ia n el p an orama italian o
Gli ultimi d ati sulla d iffusio ne d ei nuo v i med ia, in I talia, ev id enziano c o ntesti familiari
tec no lo gic i, in c ui i med ia so no sempre più integrati nelle attiv ità quo tid iane d i tutti i
c o mpo nenti d ella famiglia.
Nell’annuale R appo rto sulla c o munic azio ne d el C ensis, si parla d el c ambiamento
epo c ale c he lo smartpho ne ha appo rtato per il superamento d el digita l divide
4
, d a parte d i una
grand e fetta d ella po po lazio ne, e nelle mo d alità d i fruizio ne d ei c o ntenuti d i info rmazio ne
ed intrattenimento . Ad o ggi, infatti, il 73,8% d egli italiani è po ssesso re d i uno smartpho ne e
questo d ato c o inc id e sia c o n la perc entuale d i italiani c he hanno ac c esso ad internet (78,3% )
c he c o n gli utenti d ei so c ial netw o rk (72,5% ) (C ensis, 2019).
D i c o ntro , purtro ppo , c o ntinuano a d iminuire gli italiani c he fanno uso d ei med ia a
stampa e d ei libri nella lo ro quo tid ianità, c he risultano essere, nel 2018, so lo il 35% c irc a d ella
po po lazio ne. C iò , a d imo strazio ne d i quanto negli ultimi anni l’ambiente c o munic ativ o stia

Preview dalla tesi:

Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Laringi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione e del Servizio Sociale
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Antonella Nuzzaci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tecnologie digitali
media education
prima infanzia
app educative
produzioni educative
utilizzo precoce delle tecnologie
rischi e opportunità del mondo digitale
bambini e tecnologie
tecnologie al nido
genitori e tecnologie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi