Skip to content

Protocollo di sorveglianza nutrizionale: Progetto pilota ASL di Como su bambini, adolescenti e adulti - 2006-2007

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Protocollo di sorveglianza nutrizionale: Progetto pilota ASL di Como su bambini, adolescenti e adulti - 2006-2007, Pagina 10
 7 
Scopo finale di questo sistema è evidentemente la prevenzione e/o il controllo delle 
malattie statisticamente correlabili con fattori nutrizionali, con conseguente risparmio in 
salute e nei costi, diretti ed indiretti, per la società. Il sistema di Sorveglianza Nutrizionale 
deve dunque consentire di individuare, per ogni popolazione considerata, le priorità e le 
strategie, indicando i fattori di correzione e le vie da intraprendere in campo preventivo. E’ 
quindi lo strumento basilare per sostenere la politica nutrizionale. (12) 
La sorveglianza si avvale degli strumenti forniti dall’epidemiologia per descrivere ed 
analizzare i rapporti tra patologie e fattori eziologici nella popolazione. I risultati degli studi 
epidemiologici forniscono una parte delle informazioni che concorrono all’identificazione di 
indicatori, la cui valutazione consente la programmazione di interventi di politica 
nutrizionale. 
Un piano di sorveglianza nutrizionale è, dunque, guidato da ragioni pratiche, in quanto parte 
dall’esigenza di comprendere i problemi sanitari della popolazione correlati all’alimentazione, 
per intraprendere azioni correttive o preventive. 
Caratteristiche peculiari di un sistema di sorveglianza sono la sistematicità e la regolarità nel 
tempo delle informazioni raccolte senza comunque escludere che si utilizzino risultati ottenuti 
da singoli studi epidemiologici per completare la base informativa. 
Non esiste un modello unificato di sorveglianza nutrizionale, la sua impostazione varia a 
seconda dei mezzi a disposizione, dei problemi di salute pubblica specifici del Paese, dello 
stato delle conoscenze scientifiche e degli scopi prefissati dal committente. 
Le priorità di un sistema di sorveglianza si basano sulle informazioni fornite da indicatori 
epidemiologici, quali i tassi di prevalenza e di incidenza, di morbosità e mortalità, e da 
indicatori socio-sanitari della popolazione, come i costi diretti (costi per le cure delle 
malattie) e indiretti (anni di vita produttiva persi); considerazioni ulteriori devono essere 
effettuate in relazione al grado di prevedibilità delle malattie attraverso la modificazione di 
uno o più fattori di rischio dietetico. 
A questo scopo è necessario quantificare la relazione tra il fattore alimentare e l’incidenza 
della malattia, valutando il rischio attribuibile alla dieta per mezzo di studi epidemiologici 
sperimentali, di comparazione tra diverse popolazioni o mediante l’estrapolazione di 
esperimenti con interventi di manipolazione dietetica. L’evidenza scientifica su cui si basa 
l’ipotesi della relazione dieta-patologia, è diversa per le varie malattie. In realtà quando si 
tratta di malattie cronico-degenerative, aventi un quadro eziologico multifattoriale e non 
riconducibili ad un unico determinante, sussistono complicate interazioni tra genetica, 
comportamento ed ambiente, per cui il fattore dietetico può pesare in maniera diversa in 
relazione al grado di esposizione agli altri fattori; inoltre si può avere un lungo periodo di 
latenza tra esposizione al fattore nutrizionale e manifestazione della malattia. L’dentificazione 
di un fattore di rischio o di protezione deve essere basata sulla relazione dimostrata da studi di 
intervento come gli studi randomizzati controllati (Randomised Controlled Trials   RCT ) 
svolti su popolazioni con caratteristiche analoghe a quelle della popolazione in cui viene 
effettuata la raccomandazione. Un rapporto redatto da una commissione di esperti e promosso 
congiuntamente dall’OMS e dalla FAO evidenzia i fattori di rischio e di protezione per 
patologie croniche a componente nutrizionale, nonché gli obiettivi in grado di modificare 
il rischio attribuibile legato all’esposizione ad uno specifico fattore. (Vedi tabelle 
seguenti) (10) 
I criteri utilizzati per descrivere la forza dell’evidenza sono i seguenti: 
1. Convincente (+++): l’evidenza è basata su studi epidemiologici che mostrano 
un’associazione consistente tra l’esposizione e la patologia; le informazioni sono 
derivate da RCT di sufficiente durata e di buona qualità. 
2. Probabile (++): l’evidenza è basata su studi epidemiologici che evidenziano 
l’associazione tra l’esposizione e la patologia, ma con dati contradditori; le 

Preview dalla tesi:

Protocollo di sorveglianza nutrizionale: Progetto pilota ASL di Como su bambini, adolescenti e adulti - 2006-2007

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Arcuri
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze della nutrizione umana
  Relatore: Alberto Battezzati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 252

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropometria
disturbi comportamento alimentare
educazione alimentare
indagine alimentare asl como
indicatori rischio dietetico
indicatori stato preclinico
mangiar sano per crescere bene
metodi antropometrici
nutritional survey
obesità sovrappeso
patologie cronico degenerative
prevalenza obesità provincia como
progetto pilota asl como
questionario frequenza alimenti
rilevazione intake alimentare
servizio igiene alimenti asl como
sindrome metabolica
sorveglianza nutrizionale
stile vita alimentazione attività fisica
taratura strumenti antromopetrici
valutazione antropometrica
valutazione indagine consumi alimentari
valutazione stato nutrizionale
valutazione stato salute

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi