Skip to content

Rappresentazioni di un’eroina ambigua: Giuditta nella Bibbia e in due componimenti medievali inglesi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
le indicazioni della coraggiosa vedova e gli Israeliti fanno rotta per il campo assiro, per sconfiggere i nemici approfittando dell’estrema confusione causata tra le loro schiere dal gesto di Giuditta; nonostante il loro scarno numero, sicuramente irrisorio se confrontato a quello dell’esercito pagano, e la debolezza fisica dovuta a giorni, forse settimane, d’assedio, i Betuliani hanno, naturalmente, successo. Il Dio unico riafferma dunque la sua presenza e Nabucodonosor, nella figura di Oloferne prima, e probabilmente in prima persona poi, viene definitivamente sconfitto. Considerato canonico durante il Medioevo, il Libro di Giuditta è stato ritenuto apocrifo dai Protestanti e dunque deuterocanonico dalla Chiesa Cattolica, e nonostante narri di una storia semita, nessuna versione ebraica è conservata nella Tenakh. Il suo status di canonicità appare fin da subito dubbio, probabilmente a causa della scarsa attendibilità dei rimandi storici e geografici, che confinano il Libro addirittura nei ranghi di romanzo storico breve 10 , oppure a causa dell’ambiguità che caratterizza la protagonista, credente pia e devota alle Leggi ebraiche da un lato e fredda assassina, pronta a infrangere persino i Comandamenti, dall’altra. Il testo è stato comunque considerato, storicamente, appartenente alle sanctæ scripturæ (Libri canonici poiché parte dei testi sacri) e alle historiæ (resoconti storici caratterizzati però da un qualche insegnamento morale) 11 . Riguardo al canone greco e quello latino, essi inseriscono la vicenda di Giuditta tra i Libri Storici, precisamente tra Tobia ed Ester, prima dei Libri dei Maccabei che concludono l’Antico Testamento; tale collazione esso occupa anche per la Chiesa ortodossa orientale 12 . Le chiese protestanti, a seguito della Riforma, hanno eliminato invece il Libro dal novero delle Sacre Scritture, considerandolo nulla più che una tragedia 13 ; tale rimozione avvenne in diversi momenti storici: i Puritani, ad esempio, decretano l’apocrificità a partire dal 1644 14 . Il Concilio di Trento ne stabilisce invece la canonicità nel 1546 15 , riconoscendo l’importanza del testo di Giuditta nel fatto che esso – con la figura della credente nubile e senza prole che assurge al ruolo di agente di Dio nonostante la difficoltà dell’impresa richiestale – fornisce una solida fonte per la figura di Maria nel Nuovo Testamento, dimostrando come le origini testuali di quest’ultima siano riscontrabili nell’Antico Testamento e stabilendone così l’appartenenza alla stirpe di Davide 16 . Riguardo alla classificazione storica del Libro nell’Ebraismo, invece, fondamentali risultano le informazioni contenute nella prefazione alla versione di Giuditta di San Girolamo: egli afferma che “apud Hebræos liber Judith inter apocrypha legitur” 17 . Durante il Medioevo l’etichetta “apocrifo” viene sostituita con “agiografico” (etimologicamente “scrittura sacra”, tale termine è usato per indicare la terza parte canonica della Tenakh), e alcune versioni ebraiche vengono prodotte 18 . L’intenzione di Girolamo di tradurre ad sensum e non verbatim come per il resto della trasposizione biblica nella Vulgata svelerebbe comunque la sua attitudine nei riguardi del 10 Otzen, 2002, p. 125. 11 Ciletti – Lahnemann, 2010, p. 44. 12 Brine, 2010, p. 14, n. 25. 13 Tale classificazione è attribuita a Martin Lutero (Ibid., p. 44). 14 Brine, 2010, p. 14. 15 Ciletti, 2010, p. 350. 16 Ibid., pp. 355-6. 17 “Presso gli Ebrei, il Libro di Giuditta è considerato apocrifo” (Prefatio Hieronymi in Librum Judith , PL 29, coll. 37-9 [cit. in Ciletti – Lahnemann, 2010, p. 43]). 18 Ciletti – Lahnemann, 2010, p. 44. 11
Anteprima della tesi: Rappresentazioni di un’eroina ambigua: Giuditta nella Bibbia e in due componimenti medievali inglesi, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Rappresentazioni di un’eroina ambigua: Giuditta nella Bibbia e in due componimenti medievali inglesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Castellino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Maria Elena Ruggerini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filologia
sintassi
paganesimo
esegesi
anglosassone
poema
giuditta
omelia
ælfric
figure bibliche femminili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi