Skip to content

Sant'Hildegard von Bingen monaca erborista, tra spiritualità e vocazione scientifica

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Sant'Hildegard von Bingen monaca erborista, tra spiritualità e vocazione scientifica, Pagina 4
Le opere 
Hildegard ama definire se stessa indocta mulier, 
paupercula forma (“donna ignorante”, “misera 
creatura”), ed anche se oggi possiamo affermare 
con una relativa certezza che la guida di Jutta 
von Spanheim e le letture disponibili nel 
monastero le fornirono almeno una buona 
preparazione nelle arti del quadrivio 
(aritmetica, geometria, astronomia e musica), 
dobbiamo con altrettanta decisione ammettere 
che lo scibile che emerge nei suoi scritti (e 
anche la sua musica) sono frutto della scienza 
divina che le veniva trasmessa tramite le visioni. 
L’opera più imponente di Hildegard sono i suoi 
tre scritti visionario – teologici. Nello Scivias, 
composto fra il 1141 ed il 1151, Hildegard 
descrive in trentacinque visioni la storia della 
salvezza incominciando dalla creazione 
dell'uomo e dal peccato originale, passando per 
l’Incarnazione e la Redenzione operata da 
Cristo fino alla Gerusalemme Celeste. La 
seconda grande opera, il Liber Vitæ Meritorum, 
scritto fra il 1158 e il 1163 nella forma di un 
dialogo fra vizi e virtù, tratta del grande tema 
della ricerca dell'armonia fra la legge di Dio e la 
volontà dell'uomo. La terza opera, il Liber 
Divinorum Operum, scritta fra il 1161 e il 1173 e 
pervenutaci in un antico manoscritto, 
riccamente miniato, conservato presso la 
Biblioteca Statale di Lucca, descrive in dieci 
visioni la Creazione nel suo stretto rapporto 
con Dio, riprendendo l'immagine dell'uomo in 
una complessa struttura di rapporti fra 
microcosmo e macrocosmo. Hildegard sostiene 
che l'interazione e l'armonia nella molteplicità 
del cosmo sono garantite fintanto che l'uomo 
obbedisce al suo creatore; l'uomo può decidere 
di uscire dall'ordine cosmico violandolo, ma il 
male porta con sé, come inevitabile 
conseguenza, il castigo. È celebre il passo del 
lamento degli elementi, stravolti nel loro corso 
naturale dall’agire irresponsabile e caotico 
dell’uomo, un brano che fa molto riflettere, 
anche alla luce dei recenti sconvolgimenti 
naturali, sul tema così attuale della responsabilità 
dell’uomo nell’ecologia ambientale
i
. Molto 
interesse hanno suscitato negli anni recenti le 
sue opere medico-scientifiche. È Hildegard 
stessa che ricorda di aver scritto un’opera 
medica, il Subtilitates diversarum naturarum 
creaturarum (“Le sottigliezze delle diverse nature 
delle creature”), giunto a noi solo grazie a fonti 
tardive, diviso in due trattati, Physica o Liber 
Simplicis Medicinæ e Causæ et curæ o Liber 
Compositæ Medicinæ, la cui stesura si può 
collocare fra il 1151 ed il 1158. Per quanto 
riguarda la produzione musicale di Hildegard, 
possediamo 77 composizioni liturgiche (inni, 
antifone, sequenze e responsori) da lei stessa 
raggruppate sotto il titolo Symphonia Harmoniæ 
Caelestium Revelationum (“Sinfonia dell'armonia 
delle rivelazioni celesti”), in gran parte scritte tra il 
1150 e il 1160. A queste composizioni va 
aggiunto l'Ordo Virtutum, che si può definire la 
prima “sacra rappresentazione” in musica a noi 
pervenuta di cui inoltre conosciamo l’autore di 
testo e musica (caso unico in tutta la 
produzione musicale medievale). Di grande 
importanza è anche tutta la corrispondenza di 
Hildegard; le più di 300 lettere che ci sono 
pervenute sono indirizzate a personalità 
- 9 -
i “E udii - scrive la santa - come gli elementi si volsero a quell'Uomo [Cristo] con un urlo selvaggio. E gridavano: «Non 
riusciamo più a correre e a portare a termine la nostra corsa come disposto dal Maestro. Perché gli uomini con le loro 
cattive azioni ci rivoltano sottosopra come in una macina. Puzziamo già come peste e ci struggiamo per fame di 
giustizia».” E ancora: “Tutte le creature che Dio ha fatto, in alto come in basso, le ha associate all’uomo perché gli fossero 
utili; e se l’uomo le sconvolge con azioni malvagie, il giudizio di Dio ne fa strumento di vendetta, facendo sì che si 
rivoltino contro di lui. Le creature poi, per quanto destinate ad aiutare l’uomo nelle necessità del corpo, devono essere 
considerate in modo da comprenderne il senso per la salvezza dell’anima”. (da “Il Libro delle Opere Divine”, M. Cristiani 
e M. Pereira, ed. Mondadori).
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Sant'Hildegard von Bingen monaca erborista, tra spiritualità e vocazione scientifica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Benedetta Malagoli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Scienze e Tecnologie Erboristiche
  Relatore: Elisa Andreotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]line.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etnobotanica
botanica
galeno
erborista
hildegard von bingen
rimedi medievali
fitoterapia moderna
monaca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi