Skip to content

Sistemi di governance e modelli di integrazione tariffaria nel trasporto pubblico locale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Sistemi di governance e modelli di integrazione tariffaria nel trasporto pubblico locale, Pagina 3
7 
 
strade erano gestiti in base a contratti di questo tipo. Le ferrovie invece si espansero 
gradualmente, partendo dal collegamento fra Liverpool e Manchester nel 1830, 
rendendo accessibili non solo le grandi aree urbane, ma anche quelle suburbane. 
Anche in questo caso, la responsabilità di determinare i percorsi, acquistare i terreni, 
ed investire in tratte ferroviarie spettava esclusivamente alle imprese private. I treni 
pendolari trainati da locomotive a vapore diedero un impulso al trasporto urbano e 
suburbano, mentre i tram elettrici, entrati in esercizio dopo la seconda rivoluzione 
industriale1, grazie alla produzione di energia elettrica, consentirono lo sviluppo del 
trasporto urbano, in particolare sulle brevi distanze. I nuovi mezzi di trasporto urbani 
crearono di fatto nuove possibilità di movimento, penetrando nella campagna 
circostante e favorendone potentemente l‟urbanizzazione. A partire dalla seconda 
metà dell‟800 cominciarono poi a prendere piede le prime metropolitane sotterranee, 
entrate in esercizio soltanto nelle più grandi città come Londra (1863), Berlino (1882), 
Budapest (1886), Parigi (1900) e Mosca (1935). Con l‟accettazione del trasporto 
sotterraneo da parte dell‟utenza, le strade venivano così lasciate disponibili per il 
trasporto individuale e per i nuovi, attraenti, comodi e poco inquinanti tram. All‟inizio 
del XX secolo, in coincidenza dell‟avvento dell‟automobile prodotta su scala 
industriale, le più importanti compagnie petrolifere, insieme ai produttori 
automobilistici, crearono potenti lobby che cominciarono a finanziarie, progettare e 
costruire strade ed infrastrutture di trasporto sempre più ampie, rinforzando la 
presenza di capitale privato, tra l‟altro già proprietario delle reti esistenti. Fu così che, 
mentre le aziende tramviarie erano costrette a pagare per la costruzione e la 
manutenzione delle rotaie e a far pagare ai propri passeggeri tariffe sempre più 
elevate, l‟utente dell‟autovettura privata usava lo spazio che consumava fra tragitto 
percorso e parcheggio, praticamente senza alcun esborso (a parte il costo del 
carburante). In una tale situazione di rovesciamento dei ruoli di gestore del servizio e 
di proprietario delle reti, la competizione divenne ancor più insostenibile per il 
trasporto tramviario, la cui velocità commerciale era diventata ormai modesta a 
                                                          
1
 Il primo veicolo tranviario elettrico del mondo entrò in servizio il 16 maggio 1881 a Lichterfelde (quartiere 
periferico di Berlino), costruito da Werner Von Siemens. 
 

Preview dalla tesi:

Sistemi di governance e modelli di integrazione tariffaria nel trasporto pubblico locale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Mura
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Management
  Relatore: Lanfranco Senn
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

23 bis
bassanini
burlando
car sharing
concorrenza
gara pubblica
governance
grater london
ile de france
integrazione tariffaria
liberalizzazione
lombardia
metropolitana
mezzi pubblici
milano
privatizzazione
servizi pubblici
sistema a zone
sitam
stif
tpl
trasporto
trasporto pubblico locale
zone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi