Skip to content

Storie figurate. Relazioni icono-testuali nel libro veneziano del Cinquecento

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Storie figurate. Relazioni icono-testuali nel libro veneziano del Cinquecento, Pagina 7
cronaca di Martino da Canal e quella successiva del misterioso Marco , datata intorno al 1292, 
7 8
ribadiscono la fondazione troiana, la missione apostolica di San Marco ad Aquileia e l’insediamento 
sull’isola in seguito alle razzie di Attila, ma entrambe le narrazioni sono impregnate di un nuovo 
senso di auto-celebrazione: leggiamo di nobili uomini e donne che fuggono dalla devastazione di 
Aquileia con l’oro e l’argento che useranno una volta sull’isola per edificare chiese e campanili. Lo 
sforzo maggiore è quello di fissare la data di fondazione il 25 marzo del 421, giorno 
dell’Annunciazione e quindi dell’incarnazione del Verbo in Cristo, per sovrapporre così ab initio la 
storia cittadina ed il cammino del genere umano verso la redenzione. Il resoconto di Marco si 
spinge oltre, sostenendo che il primo troiano sia arrivato sull’isola immediatamente dopo la caduta 
di Troia, mentre Roma sarà fondata soltanto 454 anni dopo. Rialto sarebbe dunque stata edificata 
prima delle fondamenta di Roma, e per fugare ogni dubbio e mettere a tacere molti padovani, che 
negli stessi anni rivendicano una precedente fondazione da parte di Antenore, Marco è perentorio 
nell’affermare che Antenore arrivò sull’isola ben prima dell’inizio vero e proprio della costruzione 
da parte dei suoi uomini, e che solo in un secondo momento fondò il centro patavino . La ricerca di 
9
un passato fabbricato, in cui si sovrappongono nuove storie a quelle già date per vere, assumerà 
presto caratteri parossistici .  
10
Due secoli dopo Marin Sanudo, in alcune note che accompagnano il suo manoscritto De origine, 
situ et magistratibus urbis Venetae , fissa alcune date cardine: fondate prima di Cristo sono Troia, 
11
nel 2931, Ravenna nel 2914, Roma nel 715; dopo l’avvento di Cristo Costantinopoli nel 270, e 
Venezia nel 421. La priorità su Roma non sembra più essere una questione urgente. Ciò che importa 
è che Venezia rientri a pieno titolo in una sorta di linea ideale di grandi città; inoltre, Venezia 
discende da Troia senza alcuna mediazione romana. L’evocazione visuale attraverso i simboli 
distintivi di questo clima, secondo Otto Demus, inizia dalla basilica di San Marco: chiave di volta 
 A. Limentani, Martin da Canal, Les Estoires de Venise. Cronaca veneziana in lingua francese dalle origini al 1275, 
7
Firenze, Olschki, 1972
 http://www.treccani.it/enciclopedia/l-eta-del-comune-la-cultura-i-messaggi-la-religione-i-cronisti-e-la-determinazione-
8
di-venezia-citta_%28Storia-di-Venezia%29/
 P. Fortini-Brown, The self-definition of the Venetian Republic, in Athens and Rome, Florence and Venice. City-states in 
9
Classical Antiquity and Medieval Italy, A. Molho, K. Raaflaub & J. Emlem, Franz Steiner Verlag, Stuttgart, 1991, pp. 
511-548
 A. Carile, Le origini di Venezia nella tradizione storiografica, in Storia della Cultura Veneta. Dalle origini al 
10
Trecento, Vicenza, Neri Pozza, 1976
 Sanudo 2001
11
6
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Storie figurate. Relazioni icono-testuali nel libro veneziano del Cinquecento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Schergna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Arti Visive - Storia dell'Arte
  Relatore: Sonia Cavicchioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 300

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stampa
venezia
ovidio
tiziano
storia dell'editoria
hypnerotomachia poliphili
iconologia
libro illustrato
emblemi
francesco marcolini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi