Skip to content

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing'', Pagina 2
 2 
peoples is not only quite common in liberal democratic countries; it is necessary to a 
hierarchical global order. It is quite true that the death of poor people in the world does not 
matter as much as the death of people in affluent societies. In saying this and acting on this 
belief, the patterns of living and dying in the world come to be affected by it.”3 
Asad è stupito dall‟ingegnosità con cui molti politici, noti intellettuali e giornalisti forniscono 
giustificazioni morali all‟uccisione e degradazione di altri esseri umani. Quello che sembra 
contare non è l‟uccisione e la disumanizzazione in quanto tali ma come si uccide, e per quale 
motivazione.  
Ovviamente le genti di tutte le epoche storiche hanno giustificato i massacri dei cosiddetti 
nemici e di altri che non venivano considerati degni di vivere; la sola differenza è che i liberali 
di oggi che sposano tali giustificazioni pensano di essere diversi perché moralmente evoluti. Da 
questo stesso pensiero discendono implicazioni sociali, ed è quindi un simile modo di pensare 
che fa la vera differenza. Il pensiero liberale parte dall‟assunto che ognuno ha il diritto di 
perorare la propria causa nella piena consapevolezza che l‟idea di autodifesa è soggetta a 
notevoli interpretazioni, cosicché, ad esempio, la liberazione dall‟oppressore in Iraq diviene 
parte integrante della giustificazione sia per gli americani che per gli insorti. Molti liberali 
credono che le persone abbiano l‟obbligo morale di aggredire ed estirpare il male, sia allo scopo 
di redimere se stessi che di redimere coloro che non sono in grado di farlo direttamente con 
propri mezzi. Il concetto di male non viene concepito come principio naturalmente connaturato 
al mondo – come avviene negli insegnamenti manichei e zoroastriani – bensì come un principio 
dinamico che avversa il volere divino e che per questo va eliminato. Di conseguenza è la 
resistenza a tale volontà che definisce il male, e tutti gli uomini virtuosi sono spinti a vincerlo a 
qualsiasi costo (così, stando alla fede cristiana, Cristo ha trionfato sul male, e Dio si è 
riconciliato col mondo per mezzo della Crocifissione). Combattere il male è una giustificazione 
antica che trova spesso ai nostri giorni delle nuove formulazioni. Il mondo di oggi non è, come 
molti sostengono, semplice espressione del dispiegarsi della cristianità, e fra la modernità 
secolarizzata e il suo passato coesistono senza dubbio continuità ma anche fondamentali cesure.  
….. 
CHAPTER III 
 
 
 
HORROR AT SUICIDE TERRORISM 
 
 
 
IN THIS FINAL CHAPTER, I want to move away from the preoccupation with the meaning of 
suicide bombing and with the question of what motivates the bombers to kill innocent civilians by 
dying – of why people choose death rather than life. I want to reframe the question. I want to ask: 
Why do people in the West react to verbal and visual representations of suicide bombing with 
professions of horror? Unimaginable cruelties perpetrated in secret or openly, by dictatorships and 
democracies, criminals and prison systems, racially oriented immigration policies and ethnic 
cleansing, torture and imperial wars are all evident in the world today. What leads liberal moralists 
to react to suicide bombings with such horror? Why are there so many articles, books, TV 
documentaries, and films on the topic?4 Why are people – myself included – so fascinated and 
                                                 
3
 Talal Asad, op. cit., pp. 94-95. 
4
 The number of books devoted to this subject is already very considerable, and they deal with a familiar range of 
explanations – essentially those I have disscussed in my second chapter. Here are just a few that I have read in addition 
to those mentioned in previous chapters: Terry McDermott, Perfect Soldiers: The Hijackers – Who They Were, Why 
They Did It (New York: HarperCollins, 2005); Anne Marie Oliver and Paul F. Steinberg, The Road to Martyrs 
Square:A Journey into the World of the Suicide Bomber (Oxford: Oxford University Press, 2005); Ami Pedahzur, 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Regali
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in Traduzione di testi post-coloniali in lingua inglese:letteratura,saggistica,teatro e cinema
Anno: 2007
Docente/Relatore: Antonio Perri
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre 2001
antropologia
attacchi terroristici
bibbia
crocifissione
esplosioni
guerra
guerra al terrore
inglese
islam
israele
occidente
orrore
postcoloniale
saggistica
scontro di civiltà
talal asad
terrorismo sucida
traduzione
uccisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi