Skip to content

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing'', Pagina 4
 4 
sudden death of someone spatially or socially near, may evoke violent emotions: anguish, fear, rage. 
What is special about suicide? 
   In the Abrahamic religions, suicide is intimately connected with sin because God denies the 
individual the right to terminate his own earthly identity. In the matter of his/her life, the individual 
creature has no sovereignty. Suicide is a sin because it is a unique act of freedom, a right that 
neither the religious authorities nor the nation-state allows. Today, the law requires that a prisoner 
condemned to death be prevented from committing suicide to escape execution; it is not death but 
authorized death that is called for. So, too, all other convicts in prison, all soldiers in battle, and the 
terminally ill cannot kill themselves, however good they think their reasons for doing so may be. 
The power over life and death can be held legitimately only by the one God, creator and destroyer, 
and so by his earthly delegates. But although individuals have no right to kill themselves, God (and 
the state) gives them the right to be punished and to atone.6 
   In antiquity, by contrast, suicide was neither a sin nor a crime, although it was typically the elites, 
to whom that freedom was a personal entitlement, who could legitimately take their own lives. 
Political authorities could offer suicide to members of the elite as a legal option to being judicially 
executed (Socrates is perhaps the most famous example). Nietzsche insisted that this suicide not 
only foreshadowed the Crucifixion but was also, like the latter, despicable because both were 
“undefiant deaths” (though there is an important difference here to which I‟ll return: Socrates‟ death 
was a private suicide, carried out in the small company of friends; 7  the Crucifixion a public 
demonstration of punishment and redemption). Nevertheless, it is not the fact that the subject has 
chosen suicide that critics like Nietzsche object to but its manner and meaning. They are asserting 
the secular humanist principle that fighting against the demands of external power is a sign of 
nobility. There is nothing horrible, so they seem to say, in violent death itself, only in the motive 
that defines it.8 
   But first: What is horror? Horror is not a motive but a state of being. Unlike terror, outrage, or the 
spontaneous desire for vengeance, horror has no object. It is intransitive. I find Stanley Cavell 
helpful here.  
“Horror”, he writes, “is the title I am giving to the perception of the precariousness of human 
identity, to the perception that it may be lost or invaded, that we may be, or may become, something 
other than we are, or take ourselves for; that our origins as human beings need accounting for, and 
are unaccountable.”9 Horror, Cavell observes, is quite different from fear; it is not the extreme form 
                                                 
6
 The majority of Muslims have tended to regard even the deliberate seeking of martyrdom (talab al-shahada) as 
prohibited. See, for example, Abu Hamid Muhammad bin Muhammad al-Ghazali, Ihya’ulumaddin, 5 vols. (Beirut: Dar 
al Kutub al-„Ilmiya, 2001), 2:285-86, the most famous work of perhaps the most influential medieval Muslim 
theologian in history. Today, this position is also that of the Wahhabis of Saudi Arabia. Both their eighteenth-century 
founder, Muhammad bin Abdul-Wahhab (see Muhammad bin Abdul Wahhab, Mu’allafat al-shaykh al-imam 
Muhammad bin ‘abdalwahhab, vol. 2, al-Fiqh [Riyadh: Islamic University, n.d.], pp.3 ff.), and the leading Saudi 
theologians today have condemned suicide of any kind as sinful. In an interview several months before the attack on the 
World Trade Center but after the first suicide bombings in Israel, the Saudi grand mufti, Shaykh Abd al-Aziz bin 
Abdallah Al al-Shaykh, declared all terrorism (tarwi’) legally forbidden (see “Mufti ‘amm al-sa’udiyya li-l-sharq al-
awsat: Khatf al-ta’irat wa tarwi’ al-aminin muharram shar’an,” in the daily al-Sharq al-awsat, April 21, 2001). 
According to the shaykh, while jihad was enjoined in Islam, suicide (intihar) could under no circumstances be regarded 
as permitted. Other muftis, such as the Egyptian Yusuf al-Qaradawi, have taken a contrary view in the case of 
Palestinian suicide bombings. 
7
 Not all judicial self-executions were private: the ceremonial suicide known as hara-hiri (seppuku) in nineteenth-
century Japan was conducted in the presence of a large assembly. See the first European description of one such suicide 
in Tales of Old Japan, by Lord Redesdale (A.B. Freeman-Mitford), published in London by Macmillan in 1910. 
8
 According to al-Sha‟rawi, one of the most influential preachers in the Arabic-speaking world, suicide is to be classed 
together with madness and is (tautologically) a sign of loss of faith in God. That is why, he says, it is more common in 
the unbelieving West. (See Muhammad Mutawally al-Sha‟rawi, Al-fatawa al-kubra [Beirut: al-Maktaba al-„asriyya, 
2005], pp. 97, 103-4). Thus whereas in antiquity suicide could be an honorable completion to life, here it is a sign of 
supreme irrationality. This view is, of course, found in all the Abrahamic religions, but the idea of suicide as an act of 
supreme unreason is also very strong in secular law and morality. 
9
 Stanley Cavell, The Claim of Reason (New York: Oxford University Press, 1999), pp. 418-19. 

Preview dalla tesi:

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Regali
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in Traduzione di testi post-coloniali in lingua inglese:letteratura,saggistica,teatro e cinema
Anno: 2007
Docente/Relatore: Antonio Perri
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre 2001
antropologia
attacchi terroristici
bibbia
crocifissione
esplosioni
guerra
guerra al terrore
inglese
islam
israele
occidente
orrore
postcoloniale
saggistica
scontro di civiltà
talal asad
terrorismo sucida
traduzione
uccisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi