Skip to content

Violenza negli stadi in Italia e in Inghilterra: radici, cause, atteggiamento dei mass media e rimedi in prospettiva comparata

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Violenza negli stadi in Italia e in Inghilterra: radici, cause, atteggiamento dei mass media e rimedi in prospettiva comparata, Pagina 7
 
XIII 
Con l’avvento della prima guerra mondiale il campionato di calcio viene 
ovviamente sospeso e quando riprende dopo la fine delle ostilità, la gente ha 
una gran voglia di dimenticare gli orrori del conflitto. Uno dei maggiori svaghi 
anche per le classi più abbienti diventa proprio il calcio. Tra le due guerre 
cambia quindi la caratteristica dello spettatore medio alle partite: non più solo 
membri della working class, ma generalmente membri delle classi medie e 
anche classi più alte. Comunque non bisogna dimenticare che, soprattutto 
negli anni trenta, si assiste al fenomeno della incorporation (incorporazione) 
della working class nei valori più miti e più pacati delle classi superiori; ed 
ecco apparire negli stadi le prime donne che seguono con piacere e con 
attenzione le sorti della propria squadra.  
È in questi anni che nasce il mito dello spettatore inglese composto ed 
educato, mito amplificato dagli organi di stampa che lodano l’atteggiamento 
corretto del pubblico, tralasciando e minimizzando gli incidenti che di tanto in 
tanto si verificano ancora attorno ai campi di calcio.  
 
1.3 ANNI CINQUANTA-SESSANTA: 
DIFFUSIONE DEGLI STILI GIOVANILI 
 
Questo mito dello spettatore educato e di esempio per tutti resisterà fino 
alla metà degli anni cinquanta. In questo decennio l’Inghilterra assiste 
impotente allo sgretolarsi del suo impero coloniale e nel 1956 la crisi di Suez 
dà un ulteriore colpo alla fiducia in sé stessi degli inglesi e questa perdita di 
sicurezza si avverte in tutti i settori della società. Emerge in questo periodo un 
trend che sarà destinato a ripetersi nei decenni successivi ogni volta che 
nasceranno nuovi stili giovanili, visti come fumo negli occhi dalle classi più 
conservatrici (un po’ come succedeva all’epoca dei Victorian boys), nonché 
come segno della decadenza dei costumi, che rifletteva una più generale 
decadenza nazionale.  
Questo trend è caratterizzato dalla creazione di “Folk Devils” (“Diavoli 
del Popolo”) da parte delle istituzioni e della stampa, che suscitano poi 
riprovazione morale (il moral panic) tra la popolazione più conservatrice, con 
conseguenti critiche alla società troppo permissiva e domanda di leggi e 
trattamenti più severi nei confronti dei “giovani sbandati” .  
Questo trend è stato più volte messo in evidenza da autori che si sono 
occupati di hooliganism e più in generale dei problemi della gioventù inglese, 
per citarne alcuni Cohen
3
, i fratelli Brimson
4
 e gli stessi Williams, Dunning e 
Murphy
5
. 
Le prime “vittime” di questo trend sono i famigerati teddy boys che 
appaiono nei primi anni cinquanta; influenzati dalla musica rock’n’roll 
                                                                 
3
 Cohen Stanley, Folk Devils and Moral Panic, Oxford, Blackwell, 1972 
4
 Brimson E.&D., Everwhere We Go: behind the matchday madness, London, Headline, 1996 
5
 Williams John, Dunning Eric, Murphy Patrick, The Roots of Football Hooliganism, London, 
Routledge, 1988 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Violenza negli stadi in Italia e in Inghilterra: radici, cause, atteggiamento dei mass media e rimedi in prospettiva comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ludovico Muzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: John Anderson
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
calcio corrotto
corruzione
crisi calcio
devianza
hooligans
mali del calcio
mass media calcio
mondiali di calcio
privatizzazione stadi
razzismo sport
scandalo calcio
sport
stadi
stadi calcio
stampa sportiva
tifosi calcio ultras
ultras
ultras tifosi
violenza
violenza negli stadi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi