La trasmissione sinaptica:

Questa pagina è tratta da: Neuroscienze - esplorando il cervello (riassunto) di Maddalena Malanchini.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

La trasmissione sinaptica


La comunicazione tra i neuroni è resa possibile dalle sinapsi, che sono i contatti funzionali tra i neuroni.

Nel SNC possono essere distinti differenti tipi di sinapsi in base a quale parte del neurone costituisce l’elemento postsinaptico rispetto al terminale assonico:

-    Se la membrana postsinaptica si trova su un dendrite, la sinapsi viene chiamata assodendritica.
-    Se la membrana postsinaptica si trova sul corpo cellulare, la sinapsi è detta assosomatica
-    Se la membrana postsinaptica è localizzata su un altro assone (casi più rari), la sinapsi viene chiamata assoassonica.
-    Se i dendriti formano sinapsi tra loro (in alcuni neuroni specializzati), esse sono chiamate dendrodendritiche.

Vengono distinti 2 tipi di sinapsi:
1)    le sinapsi elettriche, che consentono un flusso diretto, passivo, di corrente elettrica da un neurone all’altro;
2)    le sinapsi chimiche, che rendono possibile la comunicazione tra cellula e cellula attraverso la secrezione di neurotrasmettitori.
Le sostanze chimiche rilasciate dai neuroni presinaptici producono un flusso di corrente secondaria nei neuroni postsinaptici attivando specifiche molecole recettrici. La secrezione dei neurotrasmettitori è innescata dall’ingresso degli ioni calcio (Ca2+) attraverso canali voltaggio-dipendenti. L’aumento di concentrazione degli ioni calcio all’interno della terminazione presinaptica causa la fusione delle vescicole sinaptiche (organelli che contengono i neurotrasmettitori) con la membrana cellulare presinaptica e così le vescicole rilasciano i neurotrasmettitori nello spazio interposto tra la cellula sinaptica e la cellula postsinaptica.
Il processo attraverso cui una sostanza viene liberata nello spazio extracellulare attraverso la fusione della membrana della vescicola che contiene la sostanza con la membrana cellulare si chiama esocitosi.
di Maddalena Malanchini