Skip to content

Crediti per acconti a fornitori

Ipotizziamo che l’impresa stia comprando un bene, e dia un anticipo ad un fornitori, prima che questo gli consegni la merce.
In mancanza di una voce apposita, bisogna ragionare sulla tipologia dell’acconto per classificalo:
BI6 (ACCONTI) : se originano da immobilizzazioni immateriali
BII5 (ACCONTI) : se originano da immobilizzazioni materiali
CI5 (ACCONTI) : se originano da acquisti di materie prime, di consumo, sussidiarie e merci
BIII2d (CREDITI V/ALTRI) : se originano da immobilizzazioni finanziarie
CII5 (CREDITI V/ALTRI) : se originano da prestazioni di servizio
PRINCIPI DI VALUTAZIONE
ISCRIZIONE:
“I crediti originati da ricavi per operazioni di gestione caratteristica a breve termine sono iscrivibili se sono maturati i relativi ricavi”.
Il postulato della competenza richiede due presupposti:
- processo produttivo completato;
- scambio già avvenuto.
 CRITERIO GENERALE X LA VALUTAZIONE DEI CREDITI:
Secondo il codice civile e il PC n. 15, i crediti sono valutati al valore di presumibile realizzo.
In particolare occorre applicare il principio di prudenza: ogni anno bisogna valutare com’è il valore di realizzo oggi rispetto al valore originario. Se il valore di realizzo stimato è più basso del valore originario, per prudenza occorre svalutare il credito.
VALORI RETTIFICATIVI:
Il PC n. 15 precisa i valori rettificativi dei crediti:
- Costituzione ed utilizzo del fondo svalutazione crediti
- Resi e rettifiche di fatturazione (rinvio)
- Sconti e abbuoni (rinvio)
- Scorporo interessi attivi impliciti (rinvio)
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

International Accounting -corso progredito

Appunti di International Accounting che approfondiscono quelli relativi al corso base. Più nel dettaglio viene presa in considerazione la descrizione puntuale con numerosi esempi dei capisaldi della materia, in particolare IAS e IFSR.