Skip to content

Descrizione della fiscalità internazionale

Le persone fisiche vengono considerati residenti nel territorio dello Stato se iscritte all’anagrafe dello Stato; possono emigrare e quando lo fanno non sono più soggetti alle norme italiane. Chi emigra nei paradisi fiscali viene considerato come residente in Italia. Chi invece perde la residenza italiana non paga nessuna tassa in uscita. Il soggetto residente in Italia paga le imposte sui redditi ovunque prodotti, mentre il soggetto che perde la residenza paga le imposte solo sui redditi prodotti in Italia.
Per le persone giuridiche la residenza è fissata tenendo conto del luogo in cui vi è la sede legale della società, dell’amministrazione, dell’oggetto principale dell’attività.
Ulteriormente vi sono delle norme che prevedono che un soggetto giuridico non residente può essere considerato residente anche se ha la sede legale all’estero, questo quando è controllato da soggetti italiani e a sua volta controlla soggetti italiani.
Tratto da PIANIFICAZIONE FISCALE D’IMPRESA di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Economia Aziendale, un'introduzione

Appunti del corso di Economia Aziendale. Consentono una familiarizzazione con i principali temi e argomenti della materia, approfondendo tutto ciò che riguarda gli aspetti economici dell'azienda. Corredati di numerosi esempi.