Skip to content

La garanzia per i vizi e difformità dell’opera o del servizio


L’appaltatore è tenuto a garantire il committente per i vizi dell’opera o del servizio, nonché per le difformità rispetto alle indicazioni del committente, salvo che i vizi fossero noti o riconoscibili, ma non dolosamente occultati, e il committente abbia comunque accettato l’opera.
Questo ultimo decade dalla garanzia se non denunzia i vizi o le difformità entro 60 giorni dalla scoperta e l’azione si prescrive in 2 anni dalla consegna dell’opera.
Per gli edifici o altri beni immobili destinati a lunga durata è prevista la responsabilità dell’appaltatore per rovina e gravi difetti emersi nei 10 anni successivi al compimento dell’opera, purché sia fatta denunzia entro 1 anno dalla scoperta: l’azione si prescrive in 1 anno dalla denunzia.
La garanzia per i vizi e le difformità obbliga l’appaltatore alla loro eliminazione ovvero alla riduzione del prezzo e, comunque, al risarcimento del danno; se però i vizi rendono l’opera del tutto inidonea alla destinazione, del contratto può essere risolto.
Il modo tramite il quale il committente si garantisce contro i vizi o le difformità dell’opera non è affidato ai rimedi legislativi: contrattualmente, infatti, viene previsto che l’appaltatore sia tenuto a prestare in favore del committente un c.d. performance bond da parte di una banca per un ammontare pari solitamente, a una percentuale del corrispettivo.
Con tale impegno la banca si obbliga a pagare al committente, a sua semplice richiesta, la somma in questione.
Si tratta si una delle principali utilizzazioni pratiche del c.d. contratto autonomo di garanzia.
Tratto da DIRITTO COMMERCIALE di Stefano Civitelli
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.