Skip to content

I regolamenti di competenza


Contro la sentenza che si limita a pronunciare sulla questione di competenza, la sola impugnazione ammessa è il regolamento di competenza, vale a dire un ricorso diretto alla Corte di cassazione affinchè essa “regoli “ la competenza, dica cioè incontestabilmente chi è il giudice competente sulla specifica controversia in corso tra le parti. Il regolamento di competenza è un vero e proprio mezzo di impugnazione della sentenza.
Il codice lo definisce “necessario (art 42). Può accadere però che, nello stesso provvedimento il giudice abbia deciso, oltre che della competenza, anche del merito della causa. Non è possibile quando il giudice si spoglia del giudizio declinando la propria competenza, ma lo è quando egli pronunzia sul merito della causa. In tal caso il codice consente di contestare la statuizione sulla competenza: con regolamento, ovvero nei modi ordinari, ma a condizione di impugnare contestualmente il merito. Proprio perchè la contestazione del punto della competenza può avvenire in altre forme, il regolamento qui prende il nome di regolamento facoltativo (cioè concerrente) di competenza.
La prununcia sulla competenza può anche essere implicita, cioè il giudice può non essersi affatto espresso sulla competenza; tuttavia il semplice fatto di aver affrontato il merito rivela una valutazione positiva della propria competenza che legittima la parte soccombente a servirsi del regolamento.
Tratto da PROCEDURA CIVILE di Alessandro Remigio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.