Skip to content

Definizione di conto economico

Il conto economico espone il risultato dell'esercizio attraverso la rappresentazione dei costi e degli oneri sostenuti, nonché dei ricavi e degli altri proventi conseguiti nell'esercizio. Deve essere redatto in forma scalare (prima i componenti positivi e poi quelli negativi).

È articolato in cinque sezioni scalari:
A) Valore della produzione (ricavi di competenza sommati alle variazioni delle rimanenze di magazzino)
B) Costi della produzione (ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti)
Sottraendo B) da A) si ottiene il risultato lordo della gestione ordinaria della società
C) Proventi e oneri finanziari (proventi derivanti da partecipazioni in altre società, gli interessi attivi e passivi, gli utili e le perdite sui cambi. Segue il relativo totale)
D) Rettifiche di valore di attività finanziarie (rivalutazioni e svalutazioni delle stesse. Segue il totale)
E) Proventi ed oneri straordinari 

La somma algebrica dei diversi totali costituisce il risultato globale di esercizio, che va indicato prima al lordo e poi al netto delle imposte sul reddito.
 Si ottiene così l' utile o la perdita d'esercizio che va riportato nello stato patrimoniale. Oltre lo stato patrimoniale e il conto economico, gli amministratori devono redigere la nota integrativa che illustra e specifica le voci dello stato patrimoniale e del conto economico e la relazione sulla gestione allegato esterno al bilancio che deve analizzare la situazione della società e l'andamento della gestione con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti.
Tratto da DIRITTO COMMERCIALE di Alexandra Bozzanca
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Diritto dell'Impresa

Appunti esaustivi per l'esame di - Diritto Commerciale - Vengono affrontati e definiti i temi dell’Impresa, della pubblicità, dell’azienda, del diritto d’autore e della concorrenza.