Skip to content

La contraddizione tra opere filosofiche ed economiche di Smith

Il problema di Smith nasce dalla contraddizione delle sue opere filosofiche con quelle ecnomiste.
In realtà, moralista e economista coincidono: la Teoria dei sentimenti morali è la chiave di lettura per comprendere La ricchezza delle nazioni.
- Il Principio di Simpatia: l’uomo sente la necessità di suscitare simpatia nel prossimo, in quanto tende a ricercare l’apprezzamento altrui. Così inizia a lavorare e ad accumulare favorendo la produzione economica: il panettiere produce pane non per farne dono (benevolenza), ma per venderlo (perseguimento del proprio interesse): in tal modo produce un bene desiderato, apprezzato dal cliente.
- Di conseguenza il libero scambio e il funzionamento dell’economia di mercato presuppongono il principio di simpatia, per cui il mercato è il luogo di convergenza di interessi personali, che possiede forze di autoregolazione (mano invisibile) e tende ad un equilibrio naturale e non ad un campo di combattimento.
Non serve a nulla che il ricco proprietario produca molto grano per consumarlo da solo, senza pensare ai fratelli. Nonostante l’unico loro fine è la soddisfazione dei propri interessi, i ricchi proprietari danno lavoro a migliaia di persone povere, condividendo con loro il prodotto delle loro migliorie. Essi sono condotti da una mano invisibile che tende alla distribuzione equa della ricchezza.
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.