Skip to content

Il concorso di persone e la figura dell’autore mediato nella normativa tributaria

Integralmente innovativa è pure la disciplina del concorso di persone, in forza della quale “quando più persone concorrono in una violazione, ciascuna di esse soggiace alla sanzione per questa disposta”.
La l. 4/29 dettava sul punto la differente regola della responsabilità solidale per il pagamento dell’unica sanzione irrogabile; disciplina il cui contrasto con la finalità di prevenzione propria delle sanzioni tributarie era apparso stridente con il modulo penalistico della riforma.
Per meglio comprendere l’operatività della nuova disciplina in materia tributaria, giova in primo luogo rammentare che sono qualificati come illeciti anche quei comportamenti che non integrano appieno la condotta tipica prevista dalla norma sanzionatoria, pur traducendosi in un contributo causale alla loro realizzazione.
Sebbene le ipotesi di concorso sembrino assumere una latitudine piuttosto vasta, v’è tuttavia da tener presente che l’onere di provare l’effettiva sussistenza dei presupposti è a carico dell’amministrazione finanziaria, la quale incontrerà più di una difficoltà a fornirla in concreto.
È contemplata una eccezione alla regola base: “quando la violazione consiste nell’omissione di un comportamento cui sono obbligati in solido più soggetti, è irrogata una sola sanzione e il pagamento eseguito da uno solo dei responsabili libera tutti gli altri, salvo il diritto di regresso”.
Si tratta di una evidente deroga alla filosofia afflittiva ispiratrice del nuovo sistema, finalizzata ad evitare che, ogni qual volta l’obbligo è imposto a più soggetti e l’adempimento di uno libera gli altri, siano comminate tante sanzioni quanti sono i soggetti obbligati.
Discussa, infine e per concludere in ordine al regime del concorso, è la configurabilità in tema di violazioni colpose.
Il d.lgs. 472/97 contempla l’ipotesi di una violazione colposa a fronte della quale siano irrogate sanzioni diverse; eventualità che non risulta altrimenti giustificabile se non a fronte di un concorso in siffatto tipo di violazione, così implicitamente riconoscendone la rilevanza nel nostro settore.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.