Skip to content

Gli enti di tipo associativo e gli enti (commerciali e non commerciali) non residenti

Gli enti di tipo associativo


Particolari disposizioni sono dettate per gli enti di tipo associativo, che il legislatore tributario non definisce limitandosi a prendere in considerazione la loro attività interna (ossia rivolta agli associati), al fine di escludere, ove presenti determinati requisiti, la qualifica di attività commerciale.
Le condizioni, che rendono non commerciale tale attività, sono due:
a. deve trattarsi di attività interna, rivolta cioè agli associati e partecipanti;
b. non deve essere retribuita con corrispettivi specifici.
Particolari regole sono previste per le associazioni politiche, sindacali, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extrascolastica.
Per tali associazioni, anche le attività svolte verso corrispettivo non sono commerciali, ma si richiede che siano svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali.

Gli enti (commerciali e non commerciali) non residenti


L’ultimo gruppo di soggetti passivi dell’IRES è rappresentato dagli enti non residenti (società ed enti di ogni tipo), che sono tassati solamente per i redditi prodotti in Italia.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.