Skip to content

I costi pluriennali: le spese incrementative

Le spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione possono essere patrimonializzate, incrementando così il “costo fiscalmente riconosciuto” dei beni cui si riferiscono.
Quelle non patrimonializzate dovrebbero essere distinte in costi pluriennali e costi annuali, a seconda che incrementino o no la vita del cespite.
Il legislatore fiscale ha però semplificato la materia, forfetizzando la quota deducibile nell’esercizio in cui le spese sono sostenute (5% del costo complessivo dei beni materiali ammortizzabili); l’eccedenza, invece, è ammortizzabile per quote costanti nei cinque esercizi successivi.
Sono invece deducibili nell’esercizio in cui sono sostenute le spese di manutenzione c.d. “in abbonamento”, ossia le spese dovute in base a contratti di manutenzione.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.