Skip to content

Tendenze evolutive nella partnership Eni-Gazprom

Nel novembre 2006 Eni e Gazprom siglarono un accordo strategico per la realizzazione di iniziative industriali e commerciali sia in Russia che nei mercati terzi.Il 23 dicembre 2010, l'Amministratore Delegato di Gazprom, Alexey Miller, e l'Amministratore Delegato di Eni, Paolo Scaroni, hanno firmato a Mosca la proroga dell'accordo fino al 2012 con successivi rinnovi automatici annuali salvo diverse disposizioni di almeno una delle due società.
Inoltre, sono stati siglati accordi di cooperazione tecnico-scientifica tra le due società nei settori upstream e downstream. Tali accordi prevedono la nascita di gruppi di lavoro integrati per lo studio dell'applicazione di tecnologie e processi di perforazione, produzione, trasporto, risparmio energetico e GNL, nonché la formazione e lo sviluppo del personale.
L'accordo strategico Eni-Gazprom prevede la creazione di un'alleanza in grado di consentire alle due società di realizzare progetti comuni nel midstream e downstream del gas, nell'upstream e nella cooperazione tecnologica.

Tra questi, il progetto South Stream, il sistema di gasdotti, attualmente allo studio, che collegherà la Russia all'Unione Europea attraverso il Mar Nero contribuendo a migliorare in maniera significativa la sicurezza di approvvigionamento di energia per l'Europa.
Tra gli accordi Eni-Gazprom,rientrano anche due impegni assunti dai partner nel Febbrai 2011:
Il primo pone le basi per la futura cessione a Gazprom da parte di Eni del 50% della quota detenuta da quest'ultima (33,3%) nel consorzio preposto allo sviluppo giacimento petrolifero libico di Elephant, situato nella zona desertica sud occidentale a circa 800 chilometri da Tripoli. La quota ceduta da Eni a Gazprom è stata valutata circa 170 milioni di dollari.
Il secondo riguarda un accordo che impegna le parti a finalizzare entro il 28 febbraio il contratto di compravendita di gas (GSA) che sarà prodotto dai giacimenti siberiani di Severenergia, compagnia partecipata da Gazprom, Eni ed Enel.

di Gennaro Civero
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.