Skip to content

Il “buono-scuola” e l’antiproibizionismo di Friedman

Per quanto riguarda il buono scuola, Friedman ritiene l’istruzione un bene pubblico che conferisce benefici non solo al soggetto destinatario, ma a tutta la società.
Per fronteggiare i costi per l’istruzione, Friedman propone questi “buoni scuola” che non vanno alle scuole (come è successo fino ad allora), ma saranno destinati direttamente alle famiglie e agli studenti che così potranno scegliere presso quale scuola utilizzare il buono.
Il buono garantisce l’accessibilità all’istruzione a tutti.
Per quanto riguarda la seconda proposta politica, Friedman è assolutamente contrario al proibizionismo nel campo delle droghe. La legge è incompatibile con le regole di una società libera: la legge deve proteggere l’individuo dalla violenza altrui, ma non da se stesso, perché è titolare del diritto alla sua vita.
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.