Skip to content

Operazioni aziendali riguardanti sia l'aspetto finanziario sia economico

Quando le operazioni compiute interessano sia l'aspetto finanziario sia l'aspetto economico, sono possibili diversi casi.
      
1) Si possono avere una o più variazioni finanziarie attive che misurano una o più variazioni economiche positive.

       

2) Si possono avere una o più variazioni finanziarie passive che misurano una o più variazioni economiche negative.

Esempio:
 Si rilevano interessi attivi maturati su Crediti v/clienti per 500 euro e spese di trasporto pagate in contanti per 700 euro.
 Tale operazione dà luogo a due variazioni:

a) una variazione finanziaria attiva (+crediti) di 500 euro che si rileva in Dare del conto Crediti v/clienti;
 b)  una variazione economica positiva (+ricavi), misurata dalla precedente variazione finanziaria, che si rileva in avere del conto Interessi attivi.


La seconda operazione dà luogo anch'essa a due variazioni:
a) una variazione finanziaria passiva (- denaro) di 700 euro che si rileva nel conto Cassa;
b) una variazione economica negativa (+ costi) misurata dalla precedente variazione finanziaria che si rileva in Dare del conto Spese di trasporto.


3) Si possono avere una o più variazioni finanziarie attive e una o più e una o più variazioni finanziarie passive con preminenza del totale delle prime sulle seconde; la differenza misura una o più variazioni economiche positive.


 Esempio:
      Si riceve una fattura d'acquisto di merci per 4.000 euro + Iva normale (20%) per complessivi 4.800 euro. Si invia a saldo della fattura precedente un assegno bancario sulla Banca di Roma di euro 4.700.
      La prima operazione dà luogo alle seguenti variazioni:
      a) una variazione finanziaria passiva (+ debiti) di 4.800 euro, corrispondente all'importo della fattura, che si rileva in Avere del conto Debiti v/fornitori;
      b) una variazione finanziaria attiva (+ crediti) di 800 euro, corrispondente all'importo dell'IVA calcolata in fattura, che si rileva in Dare del conto IVA ns/credito;
      c) una variazione economica negativa (+ costi) di 4.000 euro misurata dalla differenza tra le due variazioni finanziarie, di segno contrario ma non di uguale importo; detta variazione economica si rileva in Dare del conto Merci c/acquisti.


      La seconda operazione dà luogo alle seguenti variazioni:
      a) una variazione finanziaria attiva (-debiti) di 4.800 euro che si rileva in Dare del conto Debiti v/fornitori;
      b) una variazione finanziaria passiva di 4.700 euro che si rileva in Avere del conto Banca di Roma c/c,
      c) una variazione economica attiva (+ rettifiche di costi) di 100 euro, misurata dalla differenza tra le due variazioni finanziarie,di segno opposto ma non di uguale importo; detta variazione economica si rileva in Avere del conto Ribassi e abbuoni attivi.


Tratto da RAGIONERIA di Vera Albanese
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Finanza d'azienda

Appunti utili per l'esame di Finanza aziendale - dicembre 2011. I temi trattati sono: investimenti, Indici di bilancio, finanziamento a m/l termine, Riclassificazioni di bilancio, pianificazione finanziaria